bosch five ai

Il consolidamento della guida autonoma è un dato di fatto, e gli ultimi sviluppi arrivano dall’Europa.

Oggi Bosch ha annunciato l’acquisizione di Five.ai, la startup di guida autonoma che ha iniziato con grandi ambizioni di costruire e gestire la propria flotta di robot, ma alla fine si è concentrata sullo sviluppo tecnologico come gioco B2B.

I termini finanziari dell’accordo non vengono divulgati, hanno affermato le società, ma Five stava cercando un acquirente e Bosch ha affermato di essersi assicurato l’accordo battendo “altri offerenti nelll’acquisizione“.

Non solo raccoglierà IP da Five, ma anche circa 140 dipendenti nel Regno Unito. Bosch ha osservato che l’acquisizione è ancora in attesa di approvazione da parte delle autorità di regolamentazione, in particolare delle autorità antitrust. Dovrebbero volerci circa due mesi per chiudere le trattative.

Five.ai aveva raccolto circa 78 milioni di finanziamenti e, secondo PitchBook, i dati sono stati valutati l’ultima volta a 216 milioni nell’ultimo round, un investimento d 41 milioni nel marzo 2020 che ha coinciso con il pivot B2B dell’azienda.

Gli investitori di Five erano un mix di finanziatori e strategici che includevano il colosso assicurativo Direct Line, il governo del Regno Unito e VC come Notion e Lakestar, ma anche Sistema, il colosso degli investimenti russo quotato a Londra e che sta risentendo degli effetti delle sanzioni sul suo paese d’origine: più recentemente ha affermato che potrebbe dover rimuovere dalla lista la LSE a causa di una legge che la Russia sembra pronta ad approvare che richiede alle società russe di terminare i loro programmi di deposito estero.

Cosa farà Bosch

Bosch intende acquisire tutte le azioni di Five e ovviamente stiamo rispettando e continueremo a rispettare tutti i requisiti legali e statutari, comprese le sanzioni“, ha detto un portavoce alla domanda sulla partecipazione di minoranza di Sistema in Five. Da quanto abbiamo capito, se richiesto a causa di sanzioni, Bosch metterebbe i fondi in un conto deposito, se necessario.

La stessa Bosch è stata a lungo sulla tecnologia delle auto a guida autonoma, sebbene, come molti, le sue ambizioni dichiarate: è un importante OEM e fornitore per l’industria automobilistica e ha stretto una partnership con Daimler nel 2017, promettendo veicoli completamente autonomi in cinque anni.

Un anno e poco fa pensavamo che probabilmente avremmo costruito l’intero progetto introducendolo sul mercato come un intero sistema“, ha detto il co-fondatore e CEO Stan Boland nel 2020. “Ma gradualmente ci siamo resi conto di quanto fosse profondo e complesso sarebbe. Probabilmente è stato nel 2019 che ci siamo resi conto che la cosa giusta da fare è concentrarci su altri punti chiave“.

Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it