Facebook ha brevettato una nuova tecnologia per realizzare un robot che imita l’occhio umano come se fosse autentico.

Questo progetto consentirebbe alla società di costruire un bulbo oculare “ad alte prestazioni e realistico“. Sarebbe un dispositivo piuttosto utile per tracciare i movimenti oculari degli esseri umani. Il monitoraggio dei movimenti dell’occhio aiutano con gli annunci digitali per rilevare ciò che le persone guardano. Lo scopo è raccogliere dati per le applicazioni nella realtà virtuale pensata per il metaverso. Ciò potrebbe semplificare il caricamento di elementi virtuali in un ambiente con VR, generando solo gli elementi che l’utente sta guardando in quel momento.

Facebook pronta a presentare il nuovo robot con apposite tecnologie per imitare l’occhio umano

Per ora non è chiaro esattamente come verrà portato a termine il progetto, ma Meta ha lanciato un’esperienza a riguardo chiamata Horizon Worlds. Il brevetto, come riporta Business Insider, potrebbe essere parte di un progetto più grande. Ad esempio, un robot che imita l’intero volto di un essere umano. L’occhio potrebbe essere realizzato con l’intento di ricordare il più possibile un essere umano in carne ed ossa. In questo modo la riproduzione robotica appare più credibile.

“Anche se non commentiamo la copertura specifica dei nostri brevetti o le ragioni per cui li abbiamo depositati, è importante notare che i nostri brevetti non coprono necessariamente i prezzi e la tecnologia utilizzata nei nostri prodotti e servizi”, ha affermato un portavoce dell’azienda. In un post che risale a novembre, Mark Zuckerberg ha affermato che la società sta anche cercando di “capire il mondo attraverso un click” progettando un “sensore tattile ad alta risoluzione”. Questa tecnologia permette anche di “creare una sottile pelle robotica” che avvicina l’azienda alla nuova era del metaverso.

Avatar
Procrastinatrice cronica e allo stesso tempo perfezionista. Innamorata perdutamente delle scienze umanistiche. Nel 2017 ho iniziato a lavorare per Tecnoandroid, riscoprendo e consolidando anche la passione per la tecnologia.