netflix

Netflix ha indagato su uno dei suoi massimi dirigenti in Spagna per comportamento “aggressivo e intimidatorio” che non includeva la comunità LGBTQ+, secondo i documenti visti da Bloomberg News.

Le accuse contro Diego Avalos sono state inizialmente fatte tramite una soffiata anonima, secondo una persona a conoscenza degli eventi. Ciò ha innescato un’indagine interna questa primavera, che alla fine ha scoperto delle dinamiche “profondamente preoccupanti“, secondo un documento del 9 aprile esaminato da Bloomberg. Una lettera, inviata da un direttore delle risorse umane, affermava che Netflix  avrebbe dato una sessione di coaching e la possibilità di “cambiare la sua comunicazione e il suo stile di leadership” sul tema LGBTQ+.

Un portavoce di Netflix ha affermato che la società ha lavorato duramente per garantire un ambiente di lavoro rispettivo, inclusivo e sicuro. Avalos ha rifiutato di commentare.

Ecco tutta la storia

In qualità di vicepresidente per i contenuti originali in Spagna e Portogallo, Avalos è uno dei dirigenti più importanti in uno dei più grandi mercati di Netflix in Europa. È stato coinvolto nello sviluppo e nella produzione di “La Casa de Papel“, noto anche come “La Casa di Carta“, lo spettacolo in lingua spagnola più visto del servizio e uno dei suoi spettacoli più popolari di sempre. Avalos è entrato a far parte di Netflix nel 2014 come dirigente che lavora nell’acquisizione di contenuti per l’America Latina.

Il servizio di streaming sta attualmente affrontando critiche da parte di attivisti LGBTQ e gruppi come GLAAD,  per il suo lavoro con il comico Dave Chappelle. Nel suo speciale comico di recente uscita “The Closer“, Chappelle fa diverse battute a spese delle persone trans, alcune delle quali in risposta alle critiche del suo precedente speciale, “Sticks & Stones”.

Alcuni dipendenti di Netflix si sono espressi contro l’azienda sia internamente che sui social media in una delle più grandi proteste da parte dei lavoratori che l’azienda abbia mai dovuto affrontare, secondo quanto riportato da Bloomberg la scorsa settimana. I documenti interni visionati da Bloomberg hanno mostrato che lo speciale di Chappelle aveva un “valore d’impatto” di 19,4 milioni di dollari, il che significa che costava più del valore che generava.

Hatimi e Verdier hanno detto ai dipendenti in Spagna che Avalosha usato un linguaggio o ha dimostrato un atteggiamento in vari incontri che non includeva la comunità LGBTQ+ e/o i dipendenti con bambini“, secondo la lettera del 9 aprile vista da Bloomberg. In quella nota, Hatimi ha descritto il comportamento di Avalos come “estremamente diretto” e ha scritto che Netflix era consapevole che il suo “stile” poteva essere visto come “aggressivo e intimidatorio“. Hatimi e Verdier hanno rifiutato di commentare.