patrimoniale-arriva-rivoluzione-catasto-mette-tutti-in-pericolo

Tutti dicevano che sarebbe stato impossibile che il nuovo Esecutivo introducesse una nuova tassa sugli immobili o sul denaro depositato in banca. Viste le restrizioni dovute alla pandemia da Covid-19 e alla conseguente crisi economica, l’auspicio e il buon senso prevedeva proprio questo. Al contrario sembra che tutti i cittadini italiani debbano prepararsi per una bomba. L’hanno soprannominata patrimoniale sottobanco la rivoluzione del catasto che mette tutti in pericolo. Si tratta della nuova soluzione firmata Governo Draghi.

 

Patrimoniale: attenzione è in arrivo quella del catasto e sarà un disastro

Soprannominata patrimoniale sottobanco, in gergo tecnico viene definita tassazione espropriativa. Cosa cambierà se dovesse passare questa riforma? Molto semplicemente il catasto reddituale, come è ora, si trasformerà in catasto patrimoniale.

In pratica, oggi il valore di un immobile è dettato dalla sua potenzialità remunerativa. Di contro, la nuova rivoluzione che il Governo Draghi vuole introdurre è aggiornare il valore catastale a quello reale degli immobili.

L’idea è quella di introdurla nel 2026. Sarà uno shock per tutti in quanto la patrimoniale catastale rivoluzionerà completamente la tassa da versare per qualsiasi immobile di proprietà. Oggi ci sono diverse abitazioni che hanno un valore catastale molto basso pur sviluppandosi su tanti metri quadrati e in posizioni prestigiose.

Con il catasto patrimoniale tutto cambierà e si dovranno versare le tasse in base alle potenzialità remunerative dell’abitazione. Insomma, il risultato è che chi ha una casa di proprietà dovrà sborsare più soldi dalle proprie tasche.

Certo, ad oggi nessuno parla di patrimoniale, perché solo il nome fa rizzare i capelli in testa. Ma confrontata con quella vera, che va a tassare una percentuale sul patrimonio in denaro oltre una certa soglia, va a colpire tutti. In pratica, un soggetto che con sacrifici ha costruito in economia una bella casa, pur non disponendo di importanti finanze, si troverà a dover pagare ingenti somme per quell’immobile.

Ipotizziamo anche al fatto che, in quell’immobile, l’affittuario non stia pagando il proprietario per quanto deve. In sostanza, quella casa non sta generando reddito, ma siccome potenzialmente e teoricamente sì, allora chi ne è intestato dovrà versare comunque la patrimoniale sul valore catastale remunerativo.

FONTEil Resto del Carlino