pfizer-astrazeneca-evitare-effetti-collaterali

La campagna di vaccinazione in Italia ha sfiorato l’80% di copertura tra la popolazione adulta e idonea al siero anti Covid. Nelle prossime settimane, tuttavia, proseguiranno le operazioni. Alla base della campagna da qui all’immediato futuro ci sarà il vaccino Pfizer.

 

Pfizer, in autunno ci sono novità tra terza dose ed il richiamo per AstraZeneca

La principale novità sul vaccino Pfizer è l’autorizzazione per la terza dose che arriverà nelle prossime ore da parte dell’Agenzia italiana del farmaco. Come previsto dal Ministero della Salute, già in questo mese di Settembre alcuni cittadini avranno la possibilità di effettuare un ulteriore richiamo.

In base al prospetto ministeriale, in questa fase saranno i cittadini fragili o con patologie pregresse a poter effettuare la terza dose di Pfizer. Successivamente, però, già entro l’inverno un ulteriore somministrazione dovrebbe essere garantita anche agli anziani. 

L’obiettivo delle autorità sanitarie del Paese è quella di proteggere le categorie più esposte al virus, considerata anche l’insorgenza di varianti – come la Delta – più contagiose e con maggiore sintomatologia.

Le ultime pubblicazioni scientifiche inerenti il vaccino Pfizer hanno inoltre confermato la mancanza di effetti collaterali gravi. Ciò significa che in Italia proseguiranno le operazioni anche per la cosiddetta vaccinazione eterologa. Chi ha ricevuto una prima dose con il vaccino a vettore virale di AstraZeneca potrà ora effettuare il richiamo con il siero a mRNA di Pfizer. La vaccinazione eterologa, sempre stando alla letteratura medica, garantisce una copertura maggiore contro il virus. La vaccinazione eterologa potrà essere richiesta ora indifferentemente dall’eta dei pazienti.