windows-11-installato-pc-non-supportano

Il gigante del software Microsoft ha annunciato che gli utenti di PC non recenti che eseguono un sistema operativo Windows possono ora aggiornare manualmente il sistema operativo a Windows 11 scaricando il file ISO. Microsoft non bloccherà più gli utenti dall’aggiornamento del proprio sistema operativo, sebbene le restrizioni permangano ancora quando ciò viene eseguito tramite il normale aggiornamento di Windows.

Sebbene rimangano i requisiti hardware consigliati per l’installazione di Windows 11, una volta soddisfatti i requisiti di installazione di base, è possibile aggiornare il sistema operativo a Windows 11 anche se la CPU precedente non ha superato il test di aggiornamento. Puoi procedere al download del file ISO di Windows 11 e seguire le istruzioni per installarlo manualmente.

Windows 11: potrete aggiornare scaricando la ISO da Microsoft

Mentre i requisiti hardware rilasciati di recente per Windows 11 mostrano che richiede una CPU Intel di ottava generazione o successiva, l’azienda offre la possibilità agli utenti che intendono installare il sistema operativo su CPU meno recenti, ovviamente a proprio rischio. A parte la CPU Intel di ottava generazione, i requisiti di base per l’aggiornamento manuale sono un processore a 64 bit da 1 GHz con due o più core, 4 GB di RAM e 64 GB di spazio di archiviazione disponibile.

Microsoft ha ampliato la gamma di processori che potrebbero utilizzare il nuovo sistema operativo Windows 11 tra cui la serie Intel Core-X, la serie Xeon W, insieme a Intel Core 7820HQ. Queste CPU ora saranno ufficialmente supportate per gli aggiornamenti di Windows 11. Esistono ancora diversi processori che non dispongono ancora del supporto per Windows 11. Inoltre, è improbabile che gli upgrade e gli aggiornamenti siano supportati per i dispositivi in ​​cui Windows 11 è stato installato manualmente.