TikTok app non gaming più scaricataIl presidente Biden revocherà l’ordine esecutivo firmato da Donald Trump che mirava a bannare TikTok e WeChat.

“Il Segretario determinerà i provvedimenti da adottare sulla base di un’attenta revisione dei rischi posti dalle applicazioni software nei mercati stranieri”. È possibile che il risultato della valutazione possa comportare il rilascio di un nuovo divieto. “L’amministrazione è estremamente impegnata a garantire la protezione dei dati sulle app straniere, comprese le app più popolari. Penso che ci sia una vasta gamma di modifiche che possono essere negoziate o imposte per garantire che i dati siano al sicuro”.

I tentativi di Donald Trump di vietare TikTok e WeChat sono stati ostacolati poiché i giudici hanno continuamente rimandato l’ordine a causa della sua illegalità. Il giudice distrettuale degli Stati Uniti, Carl Nichols, ha affermato che “il governo probabilmente ha superato i limiti espressi [dell’International Emergency Economic Powers Act]” durante l’attuazione dell’ordine esecutivo firmato da Trump nell’agosto 2020″.

TikTok e WeChat: revocato il ban proposto da Donald Trump nel 2020

L’ordine originale elencava TikTok e altre app come WeChat tra le “emergenze nazionali”. Il governo degli Stati Uniti sosteneva che TikTok fosse una minaccia per la sicurezza nazionale a causa della società madre cinese Bytedance e i possibili legami con il governo cinese. Ad un certo punto, TikTok sarebbe stato venduto a Microsoft, poi a Walmart e infine a Oracle. Tuttavia, quest’ipotetico accordo è archiviato da tempo.

La politica sulla privacy di TikTok afferma che la società si riserva il diritto di condividere le informazioni dell’utente con altri membri del suo gruppo aziendale – che include Bytedance. Quindi, teoricamente potrebbe condividere i dati dell’utente con Pechino, secondo una ricerca di Protonmail. La legge sull’intelligence nazionale cinese del 2017 richiede alle organizzazioni e ai cittadini di “sostenere, assistere e cooperare con il lavoro dell’intelligence”. Sebbene le aziende cinesi abbiano affermato che non si conformeranno a tale legge, gli esperti ritengono che non avrebbero scelta.