pfizer-astrazeneca-opinione-vaccini-italia

L’opinione degli italiani sul vaccino di Pfizer e su quello di AstraZeneca è un dato importane. Aiuta a capire cosa succederà a un certo punto al piano vaccinale, ovvero se bisogna aspettarsi un calo significativo delle adesioni o se potrà andare avanti spedito. Un recente sondaggio ha dipinto una situazione abbastanza positiva, perlomeno in confronto agli altri grandi paesi europei.

Nello specifico, in Italia, quasi il 70% degli intervistati ha dichiarato di trovare il vaccino di Pfizer sicuro. Un dato che in realtà non stupisce visto che questo trattamento non è tanto associato a effetti collaterali pericolosi. Per il vaccino di AstraZeneca ovviamente il risultato è diverso, ma neanche così tragico. Solo il 10% pensa sia sicuro, al pari con quello di Janssen. Per Moderna si parla di più del 55%.

 

Pfizer o AstraZeneca: la fiducia nei vaccini

Tra i grandi paesi dell’unione, quello più vicino a noi in termini di opinioni della popolazione è la Spagna. Per Pfizer si parla di un netto 70%, Moderna poco più del 60%, Janssen quasi 30% e AstraZeneca ultimo con il 20%.

In Germania la situazione invece è molto diversa. Il vaccino di Pfizer è considerato praticamente sicuro da poco meno dal 60% degli intervistati mentre Moderna si attesta al 50%. I vaccini con vettore virale invece hanno ricevuto risposte molto preoccupanti. Per Janssen si parla di un 20% che lo ritiene non sicuro e che quindi ha paura degli effetti collaterali. Per AstraZeneca viene superato il 20% in tal senso.

Se la Germania ha un problema, in Francia questo problema è ancora più grosso. La fiducia per Pfizer è presente in appena il 30% degli intervistati, meno di quanti pensano che AstraZeneca non sia sicuro, ovvero più del 40%. Una situazione al limite che potrebbe presto mostrare i frutti, in senso negativo.

Ovviamente questi dati mancano di un pezzo importante. Ritenerlo non sicuro non significa che poi non ci si faccia vaccinare. Ci sono individui che nonostante questa opinione poi si fanno inoculare il trattamento perché sanno che il Covid-19 è più pericoloso e che bisogna uscire dall’emergenza