IPTV: ora arrivano i problemi, multe fino a 25.000 euro per 50.000 utenti

Lo streaming IPTV è un’opzione sempre più utilizzata per quella fascia di pubblico, molto ampia, che desidera guardare gli eventi sportivi e calcistici senza attivare un regolare piano con Sky o con DAZN. In vista del prossimo campionato, quando sarà necessaria la doppia sottoscrizione alle pay tv, i numeri dello streaming illegale sono destinati a salire.

 

IPTV con Sky e DAZN gratis: la novità dello streaming illegale

Al netto dei benefici per quanto concerne i costi da ribasso, ci sono molte controindicazioni per l’IPTV. Una particolare attenzione è necessaria ad esempio per le eventuali truffe. Molti utenti si sono trovati a pagare un abbonamento per lo streaming illegale ad una serie di malintenzionati della rete, senza ricevere alcun servizio in cambio. Dato che l’IPTV è spesso promosso su Telegram e WhatsApp, intercettare i cybercriminali risulta molto complesso.

Occhio anche alle eventuali sanzioni da punto di vista giuridico. In sede civile, gli utenti possono incappare in una multa sino a 30mila euro, con la possibilità anche in sede penale della reclusione per un periodo sino a tre anni.

Oltre ai famosi pezzotti molti appassionati di sport e calcio per attivare un piano di visione a Sky o DAZN si affidano anche ai canali VPN.

Su questo fronte c’è da sottolineare che la tecnologia VPN non è di per sé illegale ed anzi può essere consigliassimo e facile da usare per qualsiasi utente per navigare protetti in rete, e che se usato con i più noti servizi di streaming (Netflix, Amazon Prime Video) da accesso a cataloghi più vasti. NordVPN, la migliore VPN attualmente in rete, offre un ottimo servizio ed è in offerta con un prezzo scontatissimo.