WhatsApp Pink

WhatsApp Pink da un primo acchito sembrerebbe un’estensione per personalizzare la propria applicazione installando un tema per ragazze. Ma sarà proprio questo lo scopo del link che in questi giorni sta girando tra i messaggi dell’app del Gruppo Facebook o forse si tratta di un pericoloso virus? Ecco tutte le risposte in merito.

 

Attenzione all’ultimo ritrovato tra i virus: WhatsApp Pink

Dietro un nome così simpatico che promette di trasformare la propria app di messaggistica istantanea in un confetto rosa si nasconde un pericoloso virus. L’applicazione si chiama WhatsApp Pink e si dovrebbe installare grazie a un link che si sta diffondendo proprio tra le chat della nota app omonima, ma senza il “rosa” finale.

L’APK, che nasconde un’app pericolosa, scaricabile a quel link non proviene dal Play Store di Google. Quindi già questo dovrebbe essere un campanello d’allarme. La foto sul sito, qui sotto riportata, mostra come WhatsApp Pink può trasformare l’applicazione rendendola super personalizzata. Quasi da far invidia ad amici e conoscenti.

WhatsApp Pink Fake

In realtà nulla di tutto ciò. L’unico risultato saranno i “mea culpa” per essere caduti vittima di questa vera e propria truffa. Il file infatti nasconde un pericoloso virus creando problemi seri al device sul quale viene installata WhatsApp Pink.

 

Cosa fare se siete caduti nella trappola

Il primo consiglio è quello di resistere alla curiosità su WhatsApp nonostante, come in questo caso, la parola Pink attiri moltissimo anche solo per capire di cosa si tratta.

Chi invece è caduto nella trappola non deve disperare. A tutto c’è una soluzione e a mali estremi si può sempre acquistare uno smartphone nuovo. Scherzi a parte basterà seguire questi semplici passaggi:

  1. disinstallare immediatamente WhatsApp Pink dal proprio smartphone;
  2. scollegare tutti i dispositivi accoppiati con WhatsApp Web;
  3. cancellare le cache del browser;
  4. verificare le autorizzazioni di tutte le app installate e nel caso se ne trovi una sospetta, nel dubbio meglio revocarla.

Per restare più tranquilli il nostro consiglio è quello di riportare ai dati di fabbrica il dispositivo. Questo eliminerà qualsiasi traccia lasciata da WhatsApp Pink ancora nascosta tra qualche file.