blank

Di richiami di automobili ne sono avvenuti a centinaia nel corso degli anni, con le aziende indaffarate a porre riparo ai difetti di fabbrica e restituire ai propri clienti le auto perfettamente funzionanti.

Ci sono casi in cui le aziende produttrici si sono attivate in maniera autonoma e tempestiva per richiamare dei modelli presso la casa madre, come avvenuto lo scorso anno con Toyota e Honda. In altre circostanze, invece, le società si sono dimostrate noncuranti rispetto alle segnalazioni degli stessi clienti – ricordate il caso di Ford e Renault? – nonostante le criticità rilevate avessero entità notevole, e rischiassero di mettere in serio pericolo l’incolumità dei passeggeri.

Anche stavolta il caso è di un certo rilievo, e include le auto elettriche prodotte prima di marzo 2018 per conto di Tesla. In particolare, ad essere sotto la lente d’ingrandimento sono le Tesla Model S e Model X.

Tesla, richiamo in fabbrica per sistemare il display di bordo: controlla funzioni salvavita

Il pezzo incriminato, stavolta, è il display elettronico presente sul cruscotto delle Model S e Model X costruite prima di marzo 2018.

Gli ingegneri Tesla provvederanno a sistemare un guasto al touch screen collegato con il display, da cui dipendono diverse features dell’auto tra le quali anche delle funzioni salvavita in caso di emergenza.

Vista l’importanza del guasto, Tesla ha richiamato spontaneamente le auto da passare in rassegna anticipando eventuali ingiunzioni da parte delle autorità a tutela dei diritti dei consumatori. D’altronde, fidelizzare con la clientela è sempre stato prioritario per il marchio nato dal visionario Elon Musk, che fonda molta della sua politica aziendale proprio sulla qualità del servizio e dell’assistenza offerti.