WhatsApp: esodo di massa per due causa fondamentali, ecco qualiWhatsApp cambia rapidamente adeguandosi alle richieste di una vasta platea che cerca il pretesto per non orientarsi ad eventuali soluzioni di messaggistica alternative. Dopo l’esodo verso Telegram dettato dalla discutibile nuova policy relativa al trattamento dei dati personali è tempo di darsi una mossa per garantire che il pubblico non scappi di fronte all’onnipotenza ed alla trasparenza dei rivali.

Con il preciso intento di ottimizzare l’user experience il team di Menlo Park stravolge l’uso delle note vocali introducendo una componente che pochi potevano aspettarsi. Scopriamo insieme in cosa consiste la novità dell’ultim’ora.

 

WhatsApp e le nuove note vocali nelle chat: cosa sta per cambiare

Siamo alle solite con la squadra di WaBetaInfo che arriva per prima al cospetto dell’inedito aggiornamento Whatsapp che ci attende al varco della prossima build. Sembra proprio che gli sviluppatori vogliano semplificare la vita degli utenti con l’introduzione di un pulsante inedito che servirà per accelerare l’ascolto degli audio. Utile, soprattutto se si considerano registrazioni prolisse che vanno oltre il minuto.

Si tratta di una indiscrezione ancora da verificare ma che certamente potrebbe suscitare l’interesse dei due miliardi di utenti che ad oggi popolano la piattaforma di messaggistica istantanea. Stando ai rumor avremo a che fare con un pulsante 2X che consentirà di raddoppiare la velocità di ascolto degli output audio lasciati all’interno di chat e gruppi di discussione.

Una funzione che tenta di replicare le gesta del rivale Telegram e che, esattamente come questi, potrà essere disattivata a discrezione dell’utente tornando al range di velocità normale previsto in fase di registrazione. Che ne pensate di questo potenziale update per WhatsApp? Spazio ai vostri commenti.