blank

Lo scorso gennaio è scoppiata una grande polemica per mano di WhatsApp. Il servizio ha annunciato modifiche alla propria privacy policy, mostrando un nuovo avviso che anticipava l’aggiornamento delle condizioni di utilizzo. In Europa, a causa delle normative sulla protezione dei dati GDPR, queste modifiche non ci interesseranno per il momento, poiché questo regolamento impedisce a WhatsApp di condividere più dati degli utenti con Facebook.

Tuttavia, la società aggiornerà le condizioni d’uso come precedentemente consigliato sebbene, dopo aver posticipato le proprie condizioni per chiarire la ‘disinformazione’ al riguardo, datata 15 marzo e spiegando dall’applicazione stessa le modifiche che desidera apportare.

Ulteriori avvisi su WhatsApp sulla privacy policy

Tale è stato il trambusto causato dalla politica sulla privacy di WhatsApp che applicazioni come Signal e Telegram hanno registrato diversi picchi di download, poiché gli utenti cercavano utenti alternativi in ​​risposta a questi cambiamenti. WhatsApp ha posticipato l’aggiornamento di queste nuove politiche sulla privacy , anche se riproverà il 15 marzo, data prevista per l’aggiornamento dell’app con i nuovi termini di utilizzo.

Il nuovo piano WhatsApp fa emergere dubbi dall’applicazione stessa , cercando di spiegare in modo più visivo quali sono i cambiamenti in arrivo. Sarà tramite un banner nella parte superiore dell’elenco delle conversazioni , che porterà al sito Web del servizio. Questa nuova politica arriva per far sì che i messaggi in cui l’utente interagisce con le chat aziendali condividano più dati , un movimento che ha senso per Facebook, poiché vuole implementare vendite dirette e pagamenti dall’utente alle aziende in WhatsApp.

Sebbene le modifiche non interessino gli utenti europei, il banner di WhatsApp indicava modifiche alla politica sulla privacy e questo ha sollevato molti dubbi

WhatsApp ha introdotto un grande banner all’apertura dell’app per spiegare questi cambiamenti, cosa che ha causato la suddetta polemica e la migrazione di alcuni utenti verso alternative. WhatsApp andrà avanti con il suo piano il 15 marzo , con nuove spiegazioni all’interno dell’app. Come abbiamo anticipato, le modifiche non interessano gli utenti europei.