blank

Dopo aver ritardato di tre mesi l’attuazione di una nuova politica sulla privacy, WhatsApp ha condiviso il proprio stato sull’app di messaggistica di proprietà per garantire agli utenti il ​​proprio impegno per la loro privacy. Un tentativo disperato di riconquista dei numerosi utenti che, non disposti ad accettare la nuova politica sulla privacy, che ricordiamo basarsi sulla condivisione dei dati con Facebook (e di conseguenza società affini) hanno deciso di migrare ad applicazioni “più sicure” come Signal e Telegram.

WhatsApp ha condiviso ben quattro stati con dei messaggi importanti rivolti agli utenti. Il primo messaggio cita: “Ci impegniamo per la tua privacy“. Mentre gli altri tre messaggi recitano: “WhatsApp non può leggere o ascoltare le tue conversazioni personali poiché sono crittografati end-to-end“, “WhatsApp non può vedere la tua posizione condivisa” e “WhatsApp non condivide i tuoi contatti con Facebook“.

WhatsApp ritarda la nuova politica sulla privacy fino al 15 maggio

WhatsApp ha ritardato di tre mesi l’implementazione di una nuova politica sulla privacy che, inizialmente, sarebbe dovuta entrare in vigore l’8 febbraio. Tuttavia, l’azienda ha chiarito che l’aggiornamento non influisce sulla condivisione dei dati con Facebook per quanto riguarda le conversazioni personali o altre informazioni del profilo e si rivolge solo alle chat aziendali nel caso in cui un utente conversi con la piattaforma del servizio clienti di un’azienda tramite WhatsApp.

In una serie di tweet, la società ha confermato che sta posticipando la data dall’8 febbraio 2021 a maggio. “Nessuno vedrà il proprio account sospeso o cancellato l’8 febbraio e trasferiremo i nostri piani aziendali fino a dopo maggio“.

Abbiamo sentito da così tante persone quanta confusione ci sia intorno al nostro recente aggiornamento. Ci sono state molte informazioni sbagliate che hanno destato preoccupazione e vogliamo aiutare tutti a comprendere i nostri principi e i fatti“, ha riferito WhatsApp sul blog. WhatsApp è stato costruito su un’idea semplice: ciò che condividi con i tuoi amici e la tua famiglia rimane tra di voi. Ciò significa che proteggeremo sempre le tue conversazioni personali con crittografia end-to-end, in modo che né WhatsApp né Facebook possano vedere questi messaggi privati. È per questo che non conserviamo i registri delle chiamate o dei messaggi di tutti. Inoltre, non possiamo vedere la tua posizione condivisa e non condividiamo i tuoi contatti con Facebook“.