Radio FM: ADDIO al vecchio sistema che ci ha accompagnati per anni

La notizia che stiamo per comunicare lascerà gli individui più nostalgici senza alcuna parola. Ebbene, è giunto il momento di dire definitivamente addio alla vecchia e amata Radio FM, applicata agli smartphone. L’aggiornamento che boicotterà, ciò che ad oggi rimane “uno stralcio del passato”, nasce sui dispositivi Samsung Galaxy A50, ma anche sui Galaxy A20. 

Sono passati 3 anni dall’ultima legge, la 205 nel dettaglio, che ha fissato (comma 1044) l’obbligo di introdurre un’interfaccia per ricevere i servizi della radio digitale; ciò ha provocato un’abolizione dei dispositivi come le radio domestiche, le autoradio, i sintoamplificatori, etc. non dotati di modulo radio digitale.

 

Radio FM: la legge del 2017

Al fine di favorire l’innovazione tecnologica […] a decorrere dal 1º gennaio 2020 gli apparecchi atti alla ricezione della radiodiffusione sonora venduti ai consumatori nel territorio nazionale integrano almeno un’interfaccia che consenta all’utente di ricevere i servizi della radio digitale.” Sono queste le parole riportate nella legge che ha dato vita al cambiamento.

E così, per tornare ai giorni nostri, al 31 dicembre 2020 non si potranno più vendere smartphone con Radio FM e per quelli già in commercio si sta provvedendo ad un aggiornamento che inibirà la funzionalità.

Il legislatore italiano non ha compreso nel concetto di “interfaccia che consenta all’utente di ricevere i servizi della radio digitale” le svariate applicazioni che danno modo ai servizi delle radio digitali di averne l’accesso. Dunque un’estensione in questo caso avrebbe di certo evitato l’inibizione via software della Radio FM.

Un nuovo passo verso il futuro ci ricorda così quanto siamo ormai lontani dal passato.