Cina

Da qualche giorno per le strade della città di Shenzhen, in Cina, è possibile trovare dei taxi a guida autonoma, dunque senza alcun conducente.

A mettere in funzione questi taxi in Cina è la AutoX, una start-up finanziata anche da Alibaba. Si tratta della prima azienda in Cina, e probabilmente in tutto il mondo, che ha istituito una flotta di taxi a guida completamente autonoma ai quali è concesso di trasportare “passeggeri”. I taxi sono ancora in fase di prova e portano a bordo alcuni partecipanti al programma sperimentale, non si tratta di veri e propri clienti.

Già in passato qualche altra azienda cinese, sempre a Shenzhen, aveva messo sulle strade delle navette autonome le quali, però, erano fortemente vincolate e dovevano comunque avere un autista “di backup”. Quest’ultimo aveva il compito di entrare in funzione nel caso di malfunzionamenti o problemi di qualsiasi natura. Con i taxi di AutoX non ci saranno più questi problemi. Infatti, non solo non c’è più il driver di backup ma sono stati anche rimossi gli operatori remoti, ossia eventuali driver che potevano operare da remoto tramite Internet per controllare l’auto in caso di problemi. In questo momento, in Cina, i taxi si stanno concentrando soprattutto nel centro di Shenzhen. Le immagini a disposizione hanno mostrato già i primi passeggeri che entrano, proprio come se fossimo in un film di fantascienza.

Si tratta di una incredibile innovazione che consentirà di viaggiare normalmente poiché questi taxi a guida autonoma si fermano sulle strisce pedonali e possono perfino eseguire sorpassi o inversioni di marcia. I taxi, composti da Fiat Chrysler Pacifica, stanno riscuotendo molto successo in Cina e chi lo sa, magari tra qualche mese, potremmo anche ritrovarli in giro per le nostre strade.