bollo autoRiuscire a rientrare nelle procedure di esenzione bollo auto non è universalmente possibile causa mancata applicazione dell’addizionale IVA prevista dal precedente Governo. Per effetto di alcune decisioni prese a tavolino la tassa di possesso viene ancora tariffata dalle singole amministrazioni regionali con oneri più o meno importanti per gli automobilisti.

Per fortuna in Regioni come l’Emilia Romagna il carico fiscale nei confronti dei contribuenti viene alleggerito da 3 a 5 anni con la totale abolizione che vale per i nuovi possessori di auto elettriche o ibride a basse emissioni. Il requisito è che si rientri nel range dei 191 euro di pagamento annuo. Ma questa Regione non è la sola ad offrire importanti incentivi. Ecco un elenco di località in cui è possibile ottenere una proroga sul pagamento dell’imposta più odiata dagli italiani.

 

Bollo Auto: tanto odio per la tassa ma è arrivato un momento di respiro per le nostre tasche

Gli introiti maturati annualmente dallo Stato per le nuove immatricolazioni ammontano a circa 7 miliardi di euro. Una cifra enorme a cui l’amministrazione non rinuncerà di sicuro se non in luogo di nuovi regimi fiscali di tassazione pubblica. Ma a fronte di un numero sempre più esiguo di acquisti nel segmento auto lo Stato si è visto costretto a concedere maggiore autonomia alle Regioni che hanno disposto un rinvio dei termini di pagamento stabiliti. Ecco a quanto ammonta lo shift per la richiesta pecuniaria a carico degli automobilisti:

  • Lombardia – sospensione 8 marzo – 30 settembre, pagamento limite entro il 31 ottobre 2020.
  • Campania – sospensione 1 giugno – 31 agosto, pagamento limite entro il 30 settembre 2020.
  • Abruzzo, Marche, Calabria, Liguria e Valle D’asta – sospensione fino al 30 giugno, pagamento limite entro il 31 luglio.
  • Piemonte – sospensione fino al 31 maggio 2020, pagamento entro il 15 luglio 2020.
  • Sicilia – sospensione 8 marzo – 2 novembre, pagamento entro il 30 dicembre 2020.
  • Provincia autonoma di Trento – sospensione fino al 31 ottobre 2020, pagamento entro il 30 novembre.
  • Lazio, Toscana, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Provincia autonoma di Bolzano – proroga del pagamento scaduta al 30 giugno 2020.
  • Calabria, Liguria e Valle D’aosta – sospensione fino al 30 giugno, pagamento entro il 31 luglio 2020.
  • Puglia, Umbria, Molise, Basilicata e Sardegna – nessuna proroga al pagamento.