canone-bollo

I cittadini italiani in quanto tali e vincolati allo stato e al governo, per poter fruire dei vari servizi che offre la Nazione e mantenerli ad un livello elevato di qualità, devono corrispondere ogni anno le tasse, da quella per il possesso di una seconda casa a quella per avere un’automobile, il famoso bollo.

Ovviamente nessuno è ben disposto a pagare una tassa di possesso per poter avere un bene pagato interamente di tasca propria, senza parlare poi del canon Rai, un’imposta obbligata presente ora in bolletta della luce che ogni italiano deve corrispondere annualmente su base mensile.

A seguito del periodo di lockdwon, viste le difficoltà economiche incontrate da tutte le famiglie nella penisola, molte voci in merito un’abolizione di queste ultime due tasse erano circolate, in modo tale da erogare ai cittadini un po’ di respiro fiscale e consentirgli di utilizzare il denaro per beni di prima necessità o comunque per risollevarsi.

La verità in merito l’esenzione

Purtroppo ci spiace comunicarvi che tutte quelle voci in merito una possibile abolizione a tempo indeterminato di Canone Rai e Bollo Auto erano infondate, infatti lo Stato non sta minimamente prendendo in considerazione l’idea di eliminarle, ergo non esiste alcun modo per essere esentati dalle suddette.

Nel caso del canone, le uniche esenzioni presenti sono dedicate solo a cittadini anziani che abbiano superato i 75 anni di età e abbiano un reddito annuo inferiore ai 7.000€ (esenzione non automatica ma da richiedere tramite apposito modulo), e per coloro che dichiarano e dimostrano di non essere in possesso di un apparecchio televisivo nella propria dimora.

Se speravate in un’abolizione di queste due imposte purtroppo dovrete mettervi l’anima in pace perchè difficilmente arriverà