Home Motori Aston Martin: il motivo per cui non rilascerà veicoli elettrici

Aston Martin: il motivo per cui non rilascerà veicoli elettrici

La casa automobilistica sta ritardando sia i suoi veicoli elettrici sub-brand Rapide E sia quelli a marchio creato esclusivamente per le EV.

L’Aston Martin ha ufficialmente ritardato il lancio di tutti i suoi veicoli elettrici mentre tenta di tornare su solide basi finanziarie. Venerdì, la casa automobilistica ha dichiarato che prevede di impiegare fino a £ 500 milioni di euro in finanziamenti di emergenza da un gruppo di investitori guidati dal miliardario canadese Lawrence Stroll. Come parte di un nuovo piano finanziario, ora prevede di concentrarsi sulle sue auto a benzina prima di produrre veicoli elettrici. Sta quindi ritardando la Rapide E, quella che doveva essere la sua prima EV, a tempo indeterminato, e respingendo il rilancio del suo sottomarchio completamente elettrico Lagonda a qualche tempo dopo il 2025.

 

La Aston Martin preferisce riprendersi prima economicamente e successivamente lanciare i suoi veicoli elettrici

Da quando Aston Martin ha preso in giro la Rapide E nel 2015, la supercar ha subito molte battute d’arresto. Dopo una falsa partenza per gentile concessione di LeEco e del tracollo finanziario che la società cinese ha attraversato nel 2017. Aston Martin ha dichiarato che avrebbe prodotto 155 Rapide E in tempo per il 2019. All’inizio di questo mese, tuttavia, Automaker ha pubblicato un rapporto secondo cui Aston Martin aveva deciso di trasforma l’auto in un progetto di ricerca.

Se fosse entrato in produzione, la Aston Martin affermò che il motore elettrico gemellato da 800 V della Rapide E avrebbe prodotto l’equivalente di 604 cavalli e spinto la vettura a una velocità massima di 155 miglia all’ora. La batteria da 65 kWh dell’auto, nel frattempo, avrebbe permesso alla Rapide E di raggiungere un’autonomia di oltre 200 miglia.