3g dismissione frequenze

Il progresso tecnologico si fa sempre più imminente e presto nuovi standard per le connessioni mobili entreranno in funzione portando tra la popolazione nuove realtà mai viste prima d’ora. Solo il prossimo anno, finalmente, le antenne per il famosissimo e parlato 5G entreranno in funzione e così tutti gli utenti italiani potranno testare le velocità e le molteplici applicazioni che nel corso dell’ultimo anno sono state più volte presentate da diverse aziende. Insomma, il mondo tecnologico sta mutando visto la sua rapida e mutevole condizione, ma assieme alle notizie positive si presentano anche quelle negative. Un chiaro esempio di tutto ciò può essere fornito dal 3G: vediamo il perché.

Il 3G è destinato a scomparire: tutto ciò avverrà tra poco tempo?

Affinché l’internet of things possa approdare in larga scala sul territorio nazionale, gli operatori telefonici hanno dovuto affrontare grossi investimenti contanti diversi miliardi di euro. Come ci si può immaginare, il recupero di questi ultimi è un fattore molto importante e proprio a seguito di questo motivo, presto TIM, Wind Tre, Vodafone e Iliad potrebbero optare per l’abbandono del 3G così da tagliare i costi. Ovviamente queste sono semplici speculazioni, ancora, ma dopotutto, stando a quanto affermato da fonti autorevoli secondo Tariffando, la direzione di rotta sarebbe proprio quella.

Pare subito logico, infine,  che lo spegnimento del 3G non avverrà dall’oggi al domani ma richiederà un processo di diverso tempo che metterà al corrente ogni utente, lasciando a quest’ultimo il tempo.di adattarsi e trovare eventuali risoluzioni ai loro problemi.