E se vi dicessimo che in futuro basterà una semplice lampadina Led per navigare in Rete dal proprio smartphone, tablet, computer o quel che sia? Non è uno scherzo, è la rivoluzione del Li-Fi: una tecnologia wireless che permette di trasmettere dati attraverso onde luminose anziché di onde radio.

Ipotizzato per la prima volta nel 2011 da Harald Haas e poi oggetto di numerose sperimentazioni, il Li-Fi offre diversi vantaggi rispetto al Wi-Fi, a partire dal fatto che questa particolare tecnologia riesca a garantire una stabilità ed una velocità di connessione assai maggiore, dal momento in cui può essere utilizzato in luoghi in cui le frequenze radio possono interferire con le apparecchiature o dove il segnale del WiFi è debole o del tutto assente, come in metropolitana.

Li-Fi, in futuro ci connetteremo ad Internet grazie alla luce

Il Li-Fi, dunque, è una tecnologia di comunicazione wireless che trasmette i dati attraverso la luce. Il suo vantaggio principale consiste proprio nella sua semplicità: possiamo dire addio a circuiti radio, antenne, ricevitori ed altro. Tutto ciò di cui avremo bisogno per navigare in Internet sarà una lampadina Led (a differenza dalle lampade tradizionali, quella a Led ha una luminosità che può essere variata in modo estremamente veloce e impercettibilmente all’occhio umano).

Leggi anche:  Fastweb: annunciate nuove offerte, ecco come attivarle

Gli altri vantaggi offerti da questa particolare tecnologia di comunicazione wireless riguardano:

  • generale miglioramento della sicurezza. Il WiFi ha un raggio d’azione molto ampio ed è pertanto difficile capire i confini di ricezione del segnale. Il Li-Fi, invece, sfruttando la luce delinea aree di comunicazione precise e sicure (che terminano, appunto, nelle zone d’ombra);
  • riduzione delle interferenze, e dunque una connessione più stabile e più veloce, visto che le onde luminose non subiscono numerose interferenze come invece accade con le frequenze radio;
  • maggiore velocità di connessione in termini di Gbps (220 Gigabit al secondo per cento persone contemporaneamente connesse) ed una latenza tre volte inferiore rispetto al Wi-Fi.