Gran parte dei consumatori passano il suo tempo davanti uno smartphone, tablet o notebook; difatti, capita spesso di avere problemi agli occhi e lo schermo dei nostri dispositivi potrebbe essere la principale causa.

Smartphone: ecco alcuni rischi

Alcuni consumatori per innumerevoli motivi trascorrono gran parte della loro giornata davanti lo schermo di uno smartphone, pc o tablet; a lungo andare, possono crearsi alcune difficoltà: problemi alla schiena, agli occhi oppure alle mani.

Comunque sia, i problemi agli occhi sono quelli più comuni e sono causati dalla luce particolare del display del nostro smartphone; si tratta di una luce blu o meglio illuminazione artificiale che secondo alcuni studi, può provocare arrossamenti, affaticamento, visione offuscata, irritazione; anche frequenti mal di testa o insonnia sono legati alla luce del dispositivo mobile.

L’illuminazione artificiale è caratterizzata da onde molto corte ma con maggiore frequenza e secondo uno studio condotto dall’Università di Toledo negli Stati Uniti, è dannosa perché stimola i fotorecettori (cellule sensibili alla luce, posizionate sulla retina) e il pigmento retinale sarebbe attivato ad ogni stimolo, ma in modo scorretto.

Leggi anche:  Radiazioni: ecco 11 telefoni segnalati come nemici giurati della salute

Un’abitudine molto comune è quella di utilizzare lo smartphone prima di andare a dormire, ma si tratta di un’azione da eliminare per il bene del nostro corpo; quando il display del nostro smartphone si illumina di notte, le pupille dei nostri occhi si dilatano al massimo e lo shock è notevole. Si consiglia:

  • Non utilizzare lo smartphone prima di andare a dormire;
  • Tenerlo spento o in modalità aerea e non troppo vicino al letto;
  • Scaricare una qualsiasi applicazione che permette di sfruttare il filtro pre-configurato;
  • Utilizzare la modalità notturna.