DAZN: oggi riparte finalmente la Serie A, ecco quanto costa e quali sono le partite

Dopo l’ultimo fine settimana di pausa per le nazionali e le qualificazioni agli europei, dal prossimo weekend tornano i campionati per una lunga maratona di calcio sino a fine stagione. I palinsesti di DAZN rivedranno quindi la loro consueta programmazione.

La pay tv oramai è ben nota nelle case degli italiani. Quest’anno, sulla scena nazionale si è presentato un nuovo contenitore che, a differenza di Sky non chiede la sottoscrizione di un abbonamento vincolante. Proprio come Netflix, gli utenti possono decidere di mese in mese se rinnovare oppure chiudere il proprio piano.

 

DAZN, arrivano pene severe per gli utenti furbi che usano diversi account

Tanti clienti – anche in questa fase conclusiva di stagione – per aprire un profilo DAZN fanno riferimento all’oramai classico mese gratuito. La strategia commerciale in taluni casi però rischia di trasformarsi in un vero e proprio boomerang. Questo perché sempre più persone (con quell’istinto di malizia misto a furbizia) creano diversi account per avere il mese free.

Il procedimento non è poi nemmeno tanto complicato. Stando alle attuali nome è necessario cambiare il proprio indirizzo di mail ed anche la metodologia di pagamento.

Leggi anche:  DAZN addio: troppa delusione per il servizio migliore che sparisce per sempre

La brutta sorpresa per i furbi è che DAZN sta finalmente aprendo gli occhi. La piattaforma sta sperimentando nuovi strumenti di riconoscimento. Attraverso un’analisi attenta basata sugli indirizzi IP sarà più complicato continuare ad ingannare i tecnici. Coloro che vengono colti sul fatto poi rischiano un ban definitivo dal portale.