IPTV: ora è finita, niente più abbonamenti per gli utenti TIM, Vodafone e Wind

Tutti coloro che hanno a che fare con l’IPTV, sono bene di trovarsi in netto difetto con la legge. Si parla infatti di una soluzione pirata che danni avvolge ormai tutto il paese e non solo.

Le cose dovrebbero cambiare da un momento all’altro, ma non sembra venir fuori la piega giusta affinché tutto ciò succeda. Le grandi aziende sono stanche di subire questo sopruso, dato che l’IPTV va a rubare i flussi video e a ritrasmetterli mediante internet. Le istituzioni si sono più volte mobilitate, anche grazie agli esposti portati in procura da Sky. Infatti proprio il mese scorso ci sarebbe giunti ad una soluzione definitiva almeno per quanto riguarda una delle tante piattaforme. (Per le migliori offerte Amazon con codici sconto anche sui migliori decoder Android, ecco il nostro canale Telegram ufficiale. Clicca qui per entrare).

Leggi anche:  IPTV: dopo l'avviso de Le Iene arrivano le sanzioni e i guai per gli utenti

 

IPTV: ecco perché gli utenti Tim, Vodafone, Wind, Tiscali e Fastweb non possono più avere il servizio a disposizione

Dopo un lungo tira e molla, il tribunale di Milano si sarebbe pronunciato con una sentenza davvero dura da digerire per tutte le organizzazioni che si nutrono grazie al servizio IPTV. Tutti i grandi gestori che vedete citati nel titolo, non avranno infatti più la facoltà di consentire l’accesso ad un noto portale.

In poche parole dovranno bloccare ogni flusso in entrata sul sito No Freeze IPTV, il quale è la fonte della provenienza di molti canali pirata. Alcuni utenti però si sono già mobilitati con reti VPN, in modo da aggirare il tutto.