facebook

Nelle prime 24 ore dopo la micidiale sparatoria avvenuta in Nuova Zelanda, Facebook dice che ha rimosso 1,5 milioni di video che riguardavano la sparatoria, e ha bloccato 1,2 milioni pronti “al caricamento”.

La società ha fatto l’annuncio in un tweet, comunicando che era stata allertata dalle autorità e ha dovuto quindi rimuovere l’account Facebook e Instagram del presunto sparatore. La portavoce di Facebook, Mia Garlick, afferma che la società sta anche “rimuovendo tutte le versioni modificate del video che non mostrano contenuti grafici“.

“Nelle prime 24 ore abbiamo rimosso 1.5 milioni di video dell’attacco a livello globale, di cui oltre 1,2 milioni sono stati bloccati al caricamento“. Questo il tweet di Facebook Newsroom il 17 marzo 2019.

L’attacco terroristico sembra essere stato progettato per diventare virale, infatti il presunto killer nel video avrebbe  fatto riferimento a numerose persone di spicco su Youtube, come Felix Kjellberg e Candace Owens, rifacendosi anche a teorie del complotto di supremazia bianca. Ha anche pubblicato un video di 17 minuti su Facebook, Instagram, Twitter e YouTube, che ha spinto il messaggio a diventare più virale, anche se tutte quelle aziende hanno lavorato per impedirne la diffusione.

Leggi anche:  Area 51, l'invasione c'è stata anche se l'evento è stato annullato

 

Una sfida contro il tempo

Gli attacchi hanno spinto i siti di social media a reagire a tali contenuti: Facebook, Twitter e YouTube hanno lavorato per rimuovere i video. Reddit ha bandito un subreddit chiamato r / watchpeopledie, mentre Valve ha iniziato a rimuovere i tributi al presunto sparatore che era stato postato sui profili degli utenti.

Ma la rimozione di Facebook di oltre un milione di copie (e versioni modificate) del video parla dell’enorme sfida che ha nella moderazione del sito. Nella sua spinta verso una rapida crescita, i suoi sforzi per aumentare la sua capacità di monitorare e rimuovere contenuti offensivi, illegali o inquietanti hanno sempre fallito, e consentono ai sospettati di utilizzare la piattaforma per diffondere rapidamente il loro messaggio. Ci sono stati altri esempi dove sono stati trasmessi omicidi o attacchi terroristici sulla piattaforma.