Tim

Tutti gli utenti TIM, oltre ad avere una ricaricabile o un abbonamento, hanno di default attivo sul loro profilo anche un piano tariffario. Il provider di telefonia nazionale utilizza il piano tariffario per stabilire i costi standard per le telefonate, gli SMS e la navigazione internet.

 

TIM, come risparmiare due euro al mese con un piano tariffario gratuito

Negli ultimi mesi TIM sta attivando in automatico sui profili dei nuovi clienti il piano Base e Chat. Grazie a tale offerta gli utenti potranno navigare sulle migliori chat di messaggistica istantanea (WhatsApp, Telegram, WeChat, Viber e tanto altro) senza consumare i Giga della ricaricabile. Al contempo sono previsti costi fissi contenuti per le telefonate e la connessione web.

Questo piano tariffario ha un prezzo di 2 euro ogni trenta giorni. Coloro che non vogliono pagare questo sovrapprezzo rispetto al listino della ricaricabile possono chiedere la disattivazione di Base e Chat. Il piano tariffario gratuito di TIM resta sempre quello Base New.

Leggi anche:  Tim, Wind, Tre, Vodafone: i costi nascosti svuotano il credito telefonico

La richiesta di disdetta è a costo zero, ma solo attraverso i canali telematici di TIM (app ufficiale, sito internet). Il cambio di piano tariffario in negozio ha invece un costo (ovviamente una tantum) di 7 euro. Chi sceglie di chiedere un diverso profilo attraverso il Servizio Clienti 119 dovrà invece spendere 3,99 euro.

Ricordiamo che alcuni clienti, sfruttando offerte commerciali ad hoc, possono usufruire del piano Base e Chat a costo zero per un periodo determinato di tempo.