Uno dei fenomeni più frequenti ogni giorno sono le truffe telefoniche che vengono eseguite dai malintenzionati che si cammufanno per operatori telefonici.

I clienti più colpiti sono coloro che appartengono agli operatori più noti, ovvero TIM, Vodafone, Wind e Tre. Gli utenti non sempre se ne accorgono subito dell’avvenuta truffa, infatti molti consumatori risultano essere truffati al momento del rinnovo dell’offerta visto che il prezzo sarà sicuramente elevato.

Questi truffatori riescono ad agire anche in segreto senza farsi scoprire dai diretti interessati, ed è per questo che tutt’ora sono tante le vittime che vengono colpite dalle truffe telefoniche.

 

Come evitare la truffa telefonica: non rispondere mai SI

Durante la conversazione tra l’utente e l’operatore call center, quest’ultimo ha il compito di far sentire a proprio agio la persona con la quale sta dialogando. Per questo motivo che l’inizio della telefonata si concentra con delle domande abbastanza semplici, ad esempio ‘Mi conferma che lei è il Signor….?’ oppure ‘Mi conferma che lei ha un’offerta attiva con l’operatore….?’.

Leggi anche:  TIM, Vodafone, Wind e Tre: ecco i servizi aggiuntivi che azzerano il credito

I clienti che ricevono queste domande pensano che si tratta di una formalità da seguire, ma in realtà è proprio in quel momento che i malintenzionati daranno il via alla truffa.

Chiunque riceve delle domande come sopra elencate, e le risposte saranno dettate da un semplice ‘SI’, cadrà nella truffa di questi malintenzionati. Una volta che il cliente ha risposto in questo modo, i truffatori adottano un sistema con il quale riescono a registrare la voce per far attivare un nuovo abbonamento mai richiesto dall’utente.

Considerando le segnalazioni dei clienti, sarebbe opportuno evitare di rispondere ‘SI’.