google assistant

Nonostante Google non abbia presentato nessun nuovo device al CES 2019, l’azienda di Montain View si è fatta notare lo stesso. Infatti la fiera di Las Vegas, e non solo, era piena di annunci pubblicitari riguardanti Google Assistant.

Ad influire su questa massiccia pubblicità c’è certamente il vicinissimo traguardo di un miliardo di device compatibili con l’assistente vocale di Big G. Google stima di raggiungere questa cifra entro la fine del mese e sembra alquanto plausibile.

Inoltre, per invogliare gli utenti ad utilizzare attivamente Assistant, durante il CES 2019 sono state annunciate nuove feature in arrivo nei prossimi giorni. Tra le novità spicca una migliore integrazione con Google Maps che permetterà di avere informazioni sui voli. Gli utenti Android potranno anche rispondere vocalmente ai messaggi di testo tramite SMS, ma anche tantissimi altri servizi come WhatsApp, Messenger, Hangouts e Telegram solo per citarne alcuni.

Per gli smart display e gli smart speaker arriverà la funzionalità “Interprete”. Sarà possibile tradurre in tempo reale un discorso in lingua straniera. Per esempio su Home Hub la traduzione verrà mostrata in maniera testuale mentre su Home e Home Mini si potranno ascoltare le parole pronunciate dall’assistente.

Al CES 2019 è stato annunciato l’inizio del rilascio di Google Assistant sui dispositivi Sonos One e Beam. Inizialmente l’aggiornamento sarebbe dovuto arrivare nel 2018, ma l’azienda ha posticipato la data di rilascio al 2019. Durante il corso dell’anno, anche Samsung aggiornerà le proprie Smart TV rendendole compatibili con l’assistente. Tuttavia in questo caso sarà necessario essere in possesso di uno smart speaker per controllarle con la voce.

Ma l’Assistente Google sarà sempre disponibile anche quando si guida. Infatti Anker ha realizzato Roav Bolt, un dispositivo che si collega al bluetooth del veicolo o dello smartphone e permette di sfruttare tutte le potenzialità dei comandi vocali.