IPTV: dopo il servizio proposto da Le Iene ecco cosa è successo in Italia di clamoroso

Sky e DAZN con Netflix sono l’attrazione principale del mercato delle tv a pagamento in Italia. Le prime due piattaforme piattaforme televisive sono diventate un must per tutti gli amanti di sport e calcio. Netflix, invece, come tutti sanno è il punto di riferimento per gli appassionati di cinema e serie tv.

Avere tutti e tre i servizi, allo stato attuale, comporta una spesa media mensile che va dai 50 agli oltre 90 euro! Per questa ragione, tanti utenti cercano una scappatoia sicura nel sistema dell’IPTV illegale.

IPTV, quanti rischi corrono gli utenti per avere Sky, DAZN e Netflix a pochi euro

Sempre più persone per risparmiare un’ingente somma di soldi dal proprio portafogli sceglie la via dell’IPTV. Questo sistema apparentemente è un toccasana per chi segue calcio, sport, cinema e serie tv. L’IPTV mette a disposizione tutti i canali Sky insieme ai contenuti di DAZN e Netflix in un pacchetto unico al solo costo medio di 10 euro.

L’IPTV illegale insieme al risparmio porta però anche molti rischi. Chi si affida a questo sistema va incontro a pensati multe che possono raggiungere la somma di 10mila euro. Ancora peggiore è lo scenario per tutte quelle persone che decidono di trasmettere segnale criptato nelle case degli italiani. Le attuali sanzioni prevedono anche la galera da uno a tre anni.

In seguito alla clamorosa indagine de “Le Iene”, gli apparati di polizia sono più vigili che mai. Anche per questa ragione è consigliabile evitare l’uso dell’IPTV illegale.