La visione di Zuckerberg dei social media che avvicinano il mondo sembra ingenuamente ottimistica. Circa quindici anni trascorsi in una vita in gran parte online, non ci ritroviamo a essere i beneficiari del tipo di cyberosmosi culturale immaginato dal fondatore di Facebook e dai suoi colleghi.

Non siamo felici, gareggiando con i nostri alleati per attirare attenzione e acclamazione. Questo torneo del discorso è qualcosa a cui molti non partecipano positivamente. Una tale vasta gamma di esseri umani è impegnata ogni giorno in un’attività che li rende al massimo frustrati, nel peggiore dei casi respinti, è abbastanza sorprendente. Qual è la soluzione Basta cancellare il tuo account, sembrerebbe essere il rimedio ovvio in termini di preservare la nostra salute mentale. Ma non è realistico.

FOMO in realtà gioca un ruolo chiave. Ad esempio, innumerevoli professioni sono borderline impossibili da sostenere senza la presenza dei social media. Le notizie non le saprai mai a 360 gradi senza consultare la rete. Invece, forse abbiamo semplicemente bisogno di un cambiamento verso un linguaggio più neutrale e non competitivo, e il CEO e cofondatore di Twitter, Jack Dorsey, sembra essere d’accordo.

Leggi anche:  Linkedin indagato: utilizza le e-mail degli utenti per scopi pubblicitari

I social intossicano le nostre vite, ci gestiscono, dobbiamo riprendere il controllo

Ma cambiare la terminologia e la dimensione dei caratteri su follower, retweet e conteggi simili non è sufficiente, dobbiamo nasconderli del tutto. Con questo aggiustamento, le persone sarebbero comunque in grado di seguire o osservare qualcuno, ritwittare o riprodurre i propri pensieri. Gli utenti di Twitter, o di qualsiasi altro social network, dovrebbero esporre al mondo tutto ciò che ritengono sia meglio rappresentarli, i loro pensieri e sentimenti, non ciò che attirerà l’attenzione.

Sarebbe un momento destabilizzante nell’ambiente online, ma ci siamo comportati bene prima di sapere quanti follower virtuali avevano un politico o una marca di cereali. Non potremmo tornare a quello? Una riduzione delle analisi dei social media pubblicamente visibili richiederebbe un sacco di riflessione e sperimentazione, ma il modo in cui comunichiamo è problematico, ed è ora che iniziamo a provare a risolverlo.