Le azioni nel mondo tech sono crollate in tutto il mondo, guidate da un continuo calo del prezzo delle azioni di Apple. L’azienda con sede a Cupertino ha raggiunto un valore di trilioni di dollari all’inizio di quest’anno, è precipitata in un mercato ribassista a causa dei timori sulla produzione di iPhone.

Un mercato è generalmente considerato quando il valore di un titolo diminuisce del 20%. O con un massimo di 52 settimane o su un periodo di due mesi. Il prezzo delle azioni è sceso del 4% lunedì. Ciò dopo le notizie secondo cui Apple aveva tagliato gli ordini di produzione per i suoi tre nuovi iPhone, e il titolo era sceso del 4,5% nelle prime negoziazioni di martedì.

Il declino di Apple ha portato anche crolli agli altri titoli cosiddetti FAANG (Facebook, Amazon, Apple, Netflix e Google). Complessivamente, queste società hanno perso oltre 1 trilione di dollari (780 miliardi di sterline) in capitalizzazione di mercato dal punto della loro più alta valutazione nell’anno scorso. Un’analista di mercato senior presso City Index, ha detto che le quotazioni azionarie hanno mostrato come le aziende FAANG possano essere vittime dei loro stessi successi.

Leggi anche:  Netflix, un nuovo anime Ghost in the Shell arriverà nel 2020

Dopo alcuni crolli che hanno coinvolto Apple, ne hanno subito le conseguenze anche altre aziende

“Le aziende non potevano sbagliare quando gli investitori erano positivamente inclini verso di loro. Amazon, Netflix, Facebook e Microsoft ora stanno vendendo molto più velocemente di altri titoli”. Parte del problema è che gli investitori non prevedono più una crescita media del profitto; se le vendite non sono a due cifre e spettacolari – come nel caso dell’ultimo iPhone – la delusione si traduce rapidamente in un sell off in azioni.

Considerando quanto sono aumentate queste scorte nell’ultimo anno, il selloff innesca segnali cartografici che provocano solo vendite sempre più veloci. Le aziende tecnologiche in Europa hanno risentito del dolore delle loro controparti statunitensi, con l’indice europeo Stoxx 600 che scenderà martedì per raggiungere il livello più basso da febbraio 2017.