distributori-xiaomiGli smartphone sono sempre più “a portata di mano”. E con questo non per un qualche gioco di parole, ma semplicemente perchè sono ovunque e sempre più “raggiungibili”. Questo perché gli esseri umani dipendono da questi dispositivi e ne hanno sempre bisogno, sempre e ovunque.

Poiché i produttori di smartphone conoscono questa dipendenza umana, Xiaomi ha ampliato la vendita dei suoi dispositivi ai distributori automatici, quelli in cui in genere acquistiamo sigarette, uno snack o una bottiglia di acqua. E ora un Redmi S2, ad esempio!

 

Una lattina di Coca-cola, uno smartphone Xiaomi e un panino al prosciutto

Attualmente, se vogliamo acquistare uno smartphone, abbiamo a disposizione tre opzioni: un negozio fisico, un negozio online o il mercato “dell’usato e di buon affare”, che potrebbe anche essere quello del nostro amico. Ma Xiaomi voleva fare di più. Se tutte e tre le opzioni sembravano sufficienti e alla portata di tutti, ora l’azienda cinese ha messo a disposizione dei suoi clienti distributori automatici dai quali chiunque può acquistare tutti i tipi di prodotti Xiaomi.

Chiunque conosca la Cina e ci sia stato di recente, sa che sempre più persone usano smartphone per tutto, anche per segnare i pasti del giorno. Usano distributori automatici per una varietà di scopi, dall’acquisto di cibo ai prodotti per la cura personale.

Da questo presupposto, Xiaomi può offrire un po’ di tutto nel campo dell’elettronica. Questo gigante cinese si è fatto conoscere per gli smartphone, spazzolini da denti, scooter, televisori, prese elettriche, router, lampade, zaini, altoparlanti, fitness band, tablet, computer, macchine fotografiche, telecamere di ripresa film, purificatore d’aria, calzature, abbigliamento, accessori moda, piatti e… molto altro!

Leggi anche:  Xiaomi Mi MIX 3 finalmente ufficiale con Display AMOLED, 10 GB di RAM, slide e modem 5G

Quindi, perché non vendere sui propri distributori senza dover aprire un negozio, pagare dipendenti e avere orari da rispettare?

 

E il distributore?

Parliamo del distributore. Fondamentalmente è una macchina che eroga come un negozio convenzionale. Ha un touch screen LCD e da qui avviene la magia. Grazie ad esso, il cliente deve solo scegliere ciò che vuole comprare, pagare con il codice QR usando il suo telefono – qualcosa che può fare anche con WeChat (l’app più famosa in Cina e dove tutti i cinesi si “Incontrano”) – e, se è disponibile, il prodotto è nelle tue mani, altrimenti si aspetta che venga consegnato a casa propria.

Come accennato in precedenza, le aziende risparmiano su molte risorse che, nel metodo tradizionale, hanno delle spese. Inoltre, i distributori possono erogare spiegazioni dettagliate, possono rispondere alle domande degli utenti utilizzando i servizi online, possono anche essere un punto più accessibile in quanto sono collocati in luoghi come centri commerciali, stazioni ferroviarie, aree di servizio, ristoranti e in molti altri posti.