truffa malware AndroidI malware Android rappresentano il più grande ostacolo alla sicurezza di tutto il 2018. La situazione non migliorerà negli anni a venire, dove sempre più malintenzionati agiranno attraverso soluzioni di connettività 5G che diversificheranno ed incrementeranno il numero di dispositivi bersaglio.

Per il momento ci si affida all’analisi degli esperti del Kaspersky Lab, che in un recente report hanno messo in luce un problema davvero molto sentito dagli utenti, ovvero sia quello del furto dei dati bancari e delle carte di credito.

 

Soldi buttati al vento: maledetti malware

I virus Android sono la piaga del decennio. L’ultimo rapporto del secondo trimestre 2018 ha portato in evidenza risvolti disastrosi, ora rimarcati anche dal report di Kaspersky che pone in prima linea l’incessante aumento dei trojan bancari. I nostri soldi spariscono, senza troppi complimenti. A nulla valgono le raccomandazioni degli esperti di fronte ai 61.000 nuovi malware localizzati nei 187 Paesi bersaglio.

Tale valore è destinato a crescere e rappresenta al momento la fetta di torta più ampia dell’intero ecosistema virus. USA, Russia e Polonia sono le nazioni più colpite, anche se non viene risparmiata nemmeno l’Italia, dove si agisce dietro la speranza di facili guadagni.

Leggi anche:  Android: più di mezzo mln di utenti ha scaricato un virus dal Google Play Store

Le attività illecite, in effetti, consentono di avere per le mani un vero e proprio business globale, così come provato dai milioni di dollari entrati nelle tasche di un solo malintenzionato, che negli USA sta ancora monetizzando alle spalle dei poveri malcapitati tramite un ransomware mutevole dall’enorme potere distruttivo.

I consigli degli esperti, al solito, sono quelli legati alla stregua difesa dei propri dati ad ogni costo. In primo luogo bisogna osare con la diffidenza, dopodiché predisporre un adeguato piano di contromisure fatto di ricerche online e software anti-malware che garantiscano una protezione di livello superiore per i nostri dispositivi, soprattutto in ambito mobile. Il report completo è visionabile all’interno della pagina Securelist.com.