app miningA tutti è capitato di guardare una partita, di giocare, di usare il nostro smartphone per svariate ragioni con sempre più app diverse e dalle svariate funzioni. Ma, concentriamoci ad esempio, sulle app che danno la possibilità dello streaming di partite, serie tv, film e quant’altro. Un tipo di app che sembrano fantastiche.

In realtà, queste app possono essere davvero dannose e possono danneggiare lo smartphone di milioni di utenti.

Nonostante siano distribuite come originali dallo store Android ufficiale, e nonostante sembrino app regolari e con bellissime funzioni, in realtà fanno ben altro: sfruttano il tuo dispositivo e la sua capacità di calcolo per generare cryptovalute (come, ad esempio, i bitcoin)

In questo modo, mentre l’utente guarda tranquillo la partita tramite uno streaming pirata, o consulta i risultati delle partite in tempo reale, lo smartphone esegue processi in background  per minare all’insaputa dell’utente.

 

Alcune app minano Bitcoin a tua insaputa

Tutto ciò, può causare molti danni, come ad esempio il surriscaldamento del dispositivo, o il deterioramento della batteria, che potrebbero essere interpretati come normale effetto dell’app nella durata di tempo, che ovviamente non risulta sospetto al proprietario, che sta a sua insaputa autorizzando dei truffatori ad arricchirsi usanto e rovinando il suo dispositivo mobile.

Le app più popolari che generano questo tipo di fenomeni, secondo ricercatori di famose case di Antivirus, sono maggiormente applicazioni legate al calcio, come ad esempio “PlacarTV” (punteggio in portoghese), che è stata scaricata più di cento mila volte.

Questa applicazione contiene il minatore Coinhive, che estrae un tipo di cryptovaluta (Monero) sfruttando appunta la capacità di fare i calcoli del dispositivo android, e che era già preso d’occhio in numerosi market andorid non ufficiali, che permettono di scaricare app spesso alternative a quelle dello store ufficiale.

Facendo un rapido conto, i creatori di questo tipo di virus, o meglio ancora, malware, si arricchiscono con la quantità di Monero estratti al mese, che ammonta a diverse migliaia.

Attenzione però, perché non riguarda sono le applicazioni spotive e calcistiche, ma anche altre tipo di app: ad esempio una applicazione che fa in modo che il tuo telefono si connetta solo su rete sicure (un controsenso, vero?)

Funziona allo stesso modo, ed estra la stessa cryptovaluta (Monero), sfruttando ancora lo stesso minatore Coinhive per appunto minare le cryptovalute. E attenzione, perché in questo caso, se l’applicazione nota che il dispositivo si surriscalda troppo, smette il “mining”, in quanto questa applicazione contiene anche una funzione che riesce a controllare gli stati del dispositivo e del suo processore, in modo tale che chi scarica e usa l’app non si accorga di nulla.

Badate attenzione, in quanto l’app è ancora disponibile sul mercato android.

Concludiamo dicendo che, ultimamente, il mining sta diventando davvero diffuso, insieme alla cryptovalute come bitcoin, Monero, Ethereum, Ripplecoin, Litecoin. Sei fra le più famose cryptovalute del 2018 (fino ad ora)

Fate sempre attenzione a ciò che scaricate dagli store android, e assicuratevi che venga da una fonte sicura.

Tag: bitcoin, mining, cryptovalute, android