TIM GIOCA A TUTTO CAMPOCon la primavera risplendono anche le giornate dei clienti fissi di TIM che per anni non hanno visto riconosciuta la propria fedeltà. Tra costi di disattivazione improvvisati, rincari improvvisi e una trascuratezza generale, molti hanno perso, col tempo, la fiducia verso la società che con il 2018 ha deciso di porvi riparo.

Per il mese di marzo, infatti, TIM viene anche incontro ai suoi clienti di rete fissa prorogando i passaggi da ADSL a fibra per i suoi clienti a titolo completamente gratuito.

Letti anche: TIM e Wind fanno rima con Samsung S8: non solo fibra, ma molto altro

Tutti i clienti che avranno sottoscritto entro Agosto 2015 una tariffa TUTTO o TIM SMART o che abbiano attiva un’offerta ISL (INTERNET SENZA LIMITI) da almeno un anno, potranno, mantenendo valida la loro proposta contrattuale, passare alla tecnologia fibra di TIM (FTTC/E) in maniera completamente GRATUITA. TIM, infatti, baderà a fornire loro uno smart modem in comodato d’uso gratuito e sarà disponibile a fornire un tecnico per l’istallazione senza richiedere alcun compenso al cliente che ne farà richiesta. Per i più scettici TIM mette a disposizione anche un kit auto istallante, spedito a casa anch’esso gratuitamente, grazie al quale sarà possibile procedere al passaggio in maniera autonoma senza l’intervento di alcun tecnico.

Il passaggio in fibra garantisce, ai clienti che aderiscono, una navigazione internet più stabile e più veloce, nello specifico la fibra di TIM prevede una velocità di 30Mb in download e 3Mb in upload, tuttavia, se per qualche motivo con il passaggio in fibra non fossimo in grado di navigare almeno a 21Mb sarà nostro insindacabile diritto recedere senza dover versare le tasche di Tim nessun costo di disattivazione, in tutti gli altri casi la penale prevista in caso di recesso è di 25 euro e sarà cura del cliente restituire lo smart modem.

Ovviamente tutti i passaggi alla tecnologia fibra dipendono fortemente dalla posizione geografica dell’impianto telefonico, è necessario, infatti, che vi sia copertura fibra (installazione dei cavi e delle cabine) nella zona in questione perché il passaggio abbia senso, tuttavia questo non risulta essere ormai un problema rilevante visti gli investimenti che TIM ha fatto in questo senso, sono poche, infatti, le zone nello stivale prive di copertura.