Samsung abbandona ufficialmente il 2017 e regala il suo top di gamma

L’azienda coreana, Samsung, sta studiando un modo per dotare i propri dispositivi di un schermo flessibile. Diciamo che i suoi primi risultati li abbiamo visti nella versione Edge dei propri Top di Gamma. Infatti con il famosissimo S6, è nata una nuova edizione di smartphone ovvero S6 EDGE, il quale era caratterizzato dalla presenza di bordi curvi che avevano determinate funzioni.

Inoltre durante le fiere tecnologiche di questo 2017, si sono visti molti prototipi di televisori con il cosiddetto schermo flessibile. Diciamo che non vi è molta richiesta di questi, in quanto risultano poco utili per gli utenti.

Quindi ritornando all’azienda Coreana, alcuni utenti hanno scovato nuovi brevetti, che riguardano sempre questo aspetto, ovvero di non avere più i tradizionali schermi tutti piatti ma di avere display che si adattano alle forme dello smartphone. Infatti già vedendo i nuovi televisori proposti da Samsung, riprendono sempre lo stesso concetto, ovvero lo schermo curvo. Quindi in una prima analisi possiamo affermare che questa azienda vuole a tutti costi scoprire il modo per realizzare display che si adattano a diverse forme.

Quindi non più i soliti display piatti ma un display che sostituisca i bordi dello smartphone. Infatti il brevetto che è stato scovato da alcuni utenti, ed è apparso sul web, ci mostra un disegno di uno smartphone dotato di uno schermo curvo lungo il bordo destro. Esso effettuato tutta la curvatura, fino ad andare sul retro dello smartphone.

Samsung Galaxy S9, un nuovo progetto per il display flessibile

Come potreste capire, il bordo non si ferma a metà curvatura, ma la effettua completamente, facendo continuare lo schermo verso la fine dello smartphone. Ora a parole potrebbe sembrare difficile immaginare questo dispositivo, ma nelle foto che troverete a fine articolo, vi mostreranno come è concepita l’idea di un Display flessibile, che continua fino al metà retro dello smartphone.

Ora diciamo che già la versione edge non è che ha delle determinate funzioni, ma ricopre solamente un fattore estetico. Quindi immaginate, quale utilità potrebbe riportare uno schermo con queste caratteristiche. Poi se si pensi anche alla delicatezza che avrà questo smartphone. In quanto già la versione Edge odierna, non da la possibilità di aggiungere una pellicola che protegga lo schermo. Per questo, si sono verificati molti casi di danneggiamento del vetro si questi dispositivi. Quindi ora immaginate se ora il display fosse come le immagini del brevetto.

In questo caso il vostro smartphone, diventerebbe davvero molto ma molto fragile e di conseguenza non vi sarà la possibilità di aggiungere delle pellicole. Pertanto non si riesce a capire perché l’azienda coreana, Samsung, preferisce perdere il proprio tempo alla ricerca di questi dettagli, piuttosto che migliorare ulteriormente altri aspetti che riguardano l’hardware, e quindi migliorare il processore oppure dedicarsi a delle particolari funzioni in più o proprio a migliorare il funzionamento del riconoscimento del bulbo oculare o riconoscimento facciale.