Microsoft ha ufficializzato la disponibilità della nuova versione di PowerShell non solo per il proprio sistema operativo, ossia Windows. Infatti, il famoso strumento di automazione e Scripting arriverà anche su dispositivi con MacOS e Linux.

PowerShell Core 6.0 per Windows è sia un aggiornamento sia una sostituzione dei suoi predecessori. Trattasi di una sostituzione poiché Microsoft non sta più sviluppando attivamente il predecessore “Windows PowerShell”. Lo strumento verrà mantenuto sicuro nei futuri aggiornamenti di Windows Server e Windows.

Quelli di voi che sono alla ricerca di miglioramenti su molteplici fronti, devono adottare PowerShell Core, soprattutto se si ricerca la versatilità. Questo riflette il fatto che viene eseguito con .Net Core, piuttosto che con il framework .NET solo per Windows. La modifica è stata apportata perché Microsoft desidera che gli amministratori di sistema dispongano di un set di strumenti con cui lavorare in qualsiasi ambiente operativo prescelto. Questa idea è alimentata dalla convinzione di Redmond che in un mondo così ibrido in questo settore, ci sono tutte le possibilità che si disponga di server Windows o Linux da un Mac e così via.

PowerShell Core 6.0 è innanzitutto innovativo giungendo anche su MacOS e Linux, ben oltre la comfort zone con Windows.

Microsoft ha elencato le nuove funzionalità di PowerShell Core 6.0. Tra le aggiunte interessanti ci sono il supporto Docker, la sensibilità al fatto che i file system MacOS e Linux possono gestire i nomi dei file su Windows, il servizio di azione remota SSH e decine di nuovi cmdlet.

Microsoft ha anche segnalato eventuali problematiche all’utenza. Infatti, c’è una versione non supportata dello strumento per Windows su ARM e un altro per Rasbpian. C’è anche un avvertimento che gli utenti Linux potrebbero aver bisogno di una nuova installazione della versione 6.0 piuttosto che l’aggiornamento. E per confondere ulteriormente le cose, anche se la versione 6.0 è più recente e migliore, Microsoft offre anche PowerShell Core 5.0 e 5.1 con il suo Nano Server.