Dopo l’ultimo aggiornamento del social network, Zuckerberg ha deciso di continuare il suo percorso di crescita, effettuando quotidianamente dei test per rendere il suo social inarrivabile. Grazie alle numerosi consultazioni e osservazioni all’interno di Facebook, il re dei social ha introdotto una nuova funzione negli Stati Uniti, che consentirà di risolvere alcuni problemi legati alla pubblicazione dei post all’interno della news feed.

Dai primi test effettuati insieme al suo staff, Zuckerberg ha notato un malcontento da parte dei suoi utenti, secondo i quali ritenevano che alcune news pubblicate da altri utenti o gruppi, erano eccessive. Di conseguenza, è stata introdotta la funzione Snooze dove in questo momento è in prova solo negli USA.

Il pulsante Snooze

L’obiettivo del pulsante Snooze sarà quello di non far apparire più i messaggi di una persona o di un gruppo per un periodo di tempo di 24 ore, 7 giorni o 30 giorni. Quindi, sostanzialmente l’utente deciderà quale persona o gruppo silenziare, per evitare ulteriori disturbi.

Secondo le prime indiscrezioni riportate da TechCrunch, il funzionamento dovrebbe essere abbastanza semplice:

  • cliccare sui tre puntini situati in alto a destra di ogni post della news feed;
  • selezionare l’opzione Snooze, la quale sarà associata a quella per smettere di seguire qualcuno;
  • dopodiché, si dovrà scegliere per quanto tempo non dovranno comparire i post di quella persona o gruppo, scegliendo tra un giorno, una settimana o un mese.
Leggi anche:  Nuova truffa colpisce milioni di utenti, prestate molta attenzione

Una volta che la fase di testing andrà a buon fine, sicuramente tutti gli utenti di Facebook, potranno beneficiare di questa nuova funzione, la quale sta riscuotendo già successo vista la sua utilità. A differenza delle altre funzioni simili del tipo ‘non seguire più’, oppure, l’eliminazione del contatto tra gli amici di Facebook, il pulsante Snooze è meno tragico, in quanto sceglie per una durata di tempo di non far comparire i post di quella specifica persona, invece di escluderla definitivamente.

Tutto ciò potrà essere un punto di partenza anche per quelle pagine o gruppi che pubblicano in modo eccessivo, facendogli capire quali potranno essere le loro conseguenze, in modo da pubblicare la giusta informazione nella maniera più assoluta.