Microsoft
L’E3 2017 è ormai finito ma Microsoft continua a stupire, Phil Spencer annuncia l’arrivo della retrocompatibilità dei giochi Xbox con Xbox One e PC!

L’E3 si è appena concluso e, sebbene in molti considerino Nintendo come vincitore assoluto della manifestazione grazie agli annunci dei fantastici giochi in arrivo per Switch durante il corso di questo e del prossimo anno, sicuramente Microsoft non è rimasta al palo.

La conferenza dell’azienda di Redmond, difatti, nonostante sia passata un pelo sottotono rispetto a quella di Nintendo, certamente non è stata un fiasco, anzi. L’annuncio di Xbox One X con la sua stupefacente potenza di calcolo, assieme agli annunci dei nuovi giochi in uscita per il fu “Project Scorpio” hanno destato certamente l’interesse di una larga fetta di videogiocatori che scommetteranno ancora, questa volta però con meno rischio di sbagliare, proprio su Microsoft e la sua nuova console.

Negli occhi abbiamo ancora i trailer di Metro Exodus, Sea of Thieves e Assassin’s Creed Origins che giravano in 4K a 60 fps ma, quello che probabilmente è stato uno degli annunci più importanti per una larga parte della community, è forse anche quello passato più inosservato. Dopo l’annuncio alla conferenza di Los Angeles della nuova feature che consentirà ai possessori di Xbox One di poter giocare tramite retrocompatibilità ai giochi della prima, mitica, Xbox, ci si era chiesti se la cosa potesse essere estesa anche ai giocatori PC. Phil Spencer, che non era stato molto chiaro in merito, intervistato da PCGamer, ha poi confermato anche questa possibilità.

Leggi anche:  iOS-Android: è arrivata la versione beta del browser Microsoft Edge

Tutti i giocatori PC in ambiente Windows 10 potranno recuperare, magari se non hanno mai comprato una vecchia Xbox, tutti i giochi usciti sulla prima console Microsoft. “L’emulazione è difficile” è stata la dichiarazione di Spencer, tuttavia in futuro i giochi della prima Xbox saranno disponibili all’acquisto tramite Windows Store per poter essere fruiti anche da PC. Il lavoro di adattamento sarà profondo e dispendioso sia in termini di lavoro che quindi di tempo, sulle console il porting è reso più semplice dal fatto che le specifiche hardware, seppur differenziandosi profondamente per potenza di calcolo, non sono così diverse rispetto a quelle PC.

Phil Spencer ha annunciato, oltre a questo, che Microsoft intende portare su PC anche Xbox Game Pass, il servizio che, per 10 euro mensili, consentirà ai giocatori di poter usufruire di un catalogo virtualmente sterminato di titoli giocabili senza acquistarli singolarmente. Il cross platform interno di Microsoft è davvero una bella notizia per tutti i videogiocatori PC e Xbox e non vediamo l’ora di scoprire quando tutto ciò sarà possibile.