samsung galaxy note 7
A breve la conferma sul disastro batteria Note 7

In questo periodo si sta parlando molto del Samsung Galaxy Note 7R, il modello rigenerato del phablet ritirato dal produttore sudcoreano per il famigerato battery-gate. In questo periodo si sta parlando in particolar modo della possibile reintroduzione sul mercato dei modelli rigenerati di Note 7, gli esemplari che non presentavano le anomalie viste su alcune unità del dispositivo. In base a quanto afferma un report del quotidiano Chosun Ilbo, citato anche da The Investor, Samsung potrebbe commercializzare il Galaxy Note 7R in Corea del Sud per la modica cifra di 300.000 Won, l’equivalente di circa 250 euro.

Il report stilato dal quotidiano sudcoreano non solo sostiene che ci sono buone probabilità di rivedere sul mercato il Note 7, seppur in una versione decisamente depotenziata (almeno per quanto riguarda la batteria), ma addirittura indica quando potrebbero iniziare le prime vendite: tra la seconda metà di maggio e i primi giorni di giugno.

Il report al momento parla di una commercializzazione soltanto in Corea del Sud. Ciò non toglie che Samsung potrebbe vendere questi esemplari di Note 7 anche in altri mercati selezionati. Nei mesi scorsi si era ipotizzato il possibile lancio in Cina, in India e in diversi altri mercati asiatici. Per il momento, però, non ci sono conferme su queste ipotesi.

Leggi anche:  Samsung Galaxy S7 ed S7 Edge, disponibile l'aggiornamento XXUIDQIC: BlueBorne, batteria e prestazioni

Per quanto riguarda il terminale non ci sono differenze particolarmente evidenti fra il Galaxy Note 7R e il Note 7 “standard”. L’unica vera differenza riguarda la batteria che sarà di 3.200 mAh contro i 3.500 mAh della batteria del Note 7 “standard”.