Anche l’azienda giapponese apre al robottino verde

Qualche settimana fa, vi abbiamo parlato della crescita di Android Auto nel 2016, grazie all’adozione del sistema operativo di Big G da parte di un numero sempre maggiore di aziende produttrici di automobili. Oggi abbiamo a disposizione dei nuovi dati che ci permettono di poter analizzare l’andamento di Android Auto nel 2017.

Infatti, alle varie aziende che hanno deciso di adottare Android Auto come sistema di infotainment per i propri autoveicoli, si è aggiunta Mazda, che ha dichiarato di puntare fortemente sul sistema operativo del colosso di Mountain View, portandolo praticamente su tutti i suoi veicoli attraverso il sistema Mazda Connect, contribuendo dunque ad un’ulteriore espansione.

Il supporto da parte di un colosso come Mazda che, come sappiamo, opera nel settore delle automobili di fascia media e alta, consentirà ad Android Auto di poter sfidare CarPlay di Apple, che fin dall’inizio è riuscita ad accaparrarsi un numero di produttori di autoveicoli estremamente alto, conquistando importanti quote mercato del settore.

Leggi anche:  Files Go: scaricate il primo file manager di Google

Inutile ripetere che il settore delle automobili sarà caratterizzato da sistemi di infotainment sempre più evoluti, nella logica di riuscire ad integrare in maniera profonda il proprio smartphone con la propria automobile, andando dunque a risolvere molti dei problemi legati all’utilizzo di questi dispositivi durante la guida.

Prepariamoci dunque ad un 2017 da grande protagonista per Android Auto, che sarà chiamato ad imprimere una vera e propria svolta nel settore, con l’obiettivo di far definitivamente decollare il settore dell’infotainment evoluto che, esattamente come per i wearable, ha prodotto ad oggi un giro d’affari inferiore rispetto alle aspettative.