Xiaomi Mi 6 AnTuTu
Il prossimo flagship di casa Xiaomi si prepara a scuotere il mercato

Avrete sicuramente sentito parlare dell’indice SAR in relazione gli smartphone. Le onde elettromagnetiche che vengono assorbite dal nostro corpo, vengono misurate ed inserite in una scala denominata appunto SAR (Specific Absorption Rate, in italiano “Tasso di Assorbimento Specifico). Bene, oggi diamo un’occhiata a questi valori in relazione agli smartphone di Xiaomi.

Vi diciamo immediatamente che questi valori, per quanto riguarda gli smartphone Xiaomi, sono estremamente rassicuranti, questo perchè, essenzialmente, in Cina c’è una regolamentazione molto più ferrea su questo tema rispetto a quanto avviene dalle nostre parti, nell’Unione Europea.

Eccovi i valori SAR per tutta l’attuale line-up di smartphone targati Xiaomi.

Tutti i dispositivi sono ampiamente al di sotto dei limiti SAR previsti dall’Unione Europea, e questo dunque smentisce alcuni pregiudizi che spesso emergono in relazione ad aziende cinesi come Xiaomi.

Interessante notare come il Redmi 4, Redmi Note 2, Mi Note Pro e Mi 1s, abbiano valori SAR decisamente più elevati rispetto agli altri dispositivi dell’azienda cinese (ma comunque ampiamente al di sotto dei limiti).

Leggi anche:  Xiaomi presenta ufficialmente il nuovo Redmi 5A

In ogni caso, il tema dei valori SAR sta assumendo un peso specifico sempre più centrale nel dibattito in relazione all’uso eccessivo degli smartphone. Di fatto, la nostra generazione è la prima ad utilizzare questi dispositivi, e dunque occorrerà verificare nel tempo quelli che saranno gli effetti sulla salute.

In tal senso, questi dati relativi ai dispositivi Xiaomi sono estremamente rassicuranti, e testimoniano come sia possibile produrre smartphone di alto livello senza necessariamente eccedere nei limiti dei valori SAR. Sarebbe interessante verificare i valori per i dispositivi degli altri brand.