Instagram
A partire da oggi, la lunghezza massima dei video su Instagram passa da 15 secondi ad 1 minuto.

Proprio in questi giorni, i messaggi video su Instagram raggiungereanno la lunghezza standard di 60 secondi. Inoltre, gli utenti iOS avranno il privilegio di modificare e incastrare insieme diversi filmati registrati con il proprio dispositivo; e di “incollarli” come se fossero una “mini pellicola cinematografica”.

Dopo l’avvento di YouTube e di altre forme di “video-sharing“, sono sempre di più gli iscritti che scelgono di visualizzare dei filmati online o, comunque, attraverso le applicazioni installate sul telefono. Pertanto, Instagram – il famoso social network che permette agli utenti di scattare foto e applicare filtri e di condividerle su altre piattaforme quali Facebook, Foursquare, Tumblr, Flickr e Posterous – avrebbe deciso di fare un regalo ai suoi affezionati utenti, aumentando la durata dei videoclip da 15 secondi a 60 secondi, vale a dire 1 minuto, pieno pieno, da vivere.

Negli ultimi sei mesi la gente, che ha trascorso il tempo a guardare i video su Instagram, è aumentata del 40%“, si legge in un post pubblicato sul blog. L’idea che sta alla base è quella di riuscire a raccontare, o quanto meno di immortalare e di cogliere, piccoli frangenti di vita più o meno intensi attraverso la forma, ormai ampiamene diffusa, proprio della condivisione visiva.

Leggi anche:  Instagram, arrivano i trucchi per aumentare i follower gratis

Le funzionalità, connesse alla durata dei video, vengono lanciate proprio in questi giorni di frenetici cambiamenti. A partire da oggi, tutti gli utenti dovrebbero essere già in grado di realizzare brevi filmati di 1 minuto. In questo periodo in cui non mancano di certo le novità – basti pensare alla recente notizia relativa alla nuova timeline che sta destando non pochi mormorii – gli utenti iOS potranno sbizzarrirsi nel creare dei “multi videoclip”. Come? Effettuando un semplice aggiornamento del sistema nella versione 7.19.

La primavera ha portato con sé la voglia di sperimentare. E chissà che, in vista dell’estate, non arrivi un’altra buona ventata di cambiamenti per l’avanguardistico mondo delle applicazioni.