cover
In commercio ci sono molte tipologie di custodie e cover

Le cover sono probabilmente il più importante accessorio che possiate comprare per il vostro smartphone. Oltre a conferire un tocco di originalità al vostro dispositivo, le custodie vi permetteranno di proteggerlo da urti, cadute, graffi e quant’altro. In commercio ce ne sono di tantissimi tipi. Quale fa più al caso vostro? Questa guida proverà a rispondere a questo quesito.

Cover: le principali tipologie presenti sul mercato

Innanzitutto andiamo a fare una disamina delle principali tipologie di cover e custodie attualmente reperibili sul mercato, solo dopo potremo trarre delle conclusioni obiettive.

Fra le varie soluzioni che potete adottare ci sono, ad esempio, le cover:

a guanto: questo tipo di custodie, costruite solitamente in pelle o materiali simili (il che garantisce una certa eleganza estetica), è una delle migliori soluzioni che possiate adottare per proteggere il vostro smartphone. L’interno di queste custodie, di solito, è costruito con un materiale molto morbido.

Questo tipo di soluzioni viene in genere adottata da chi ha l’abitudine di riporre il proprio dispositivo in borsa. Le cover a guanto sono particolarmente indicate per chi ha intenzione di proteggere il proprio smartphone dalla polvere. Sono meno consigliate a chi, invece, espone il proprio smartphone a maggiori rischi di cadute o urti.

in silicone: questo tipo accessorio è molto diffuso. Protegge molto bene gli smartphone da urti e cadute (purché non si tratti di modelli ultra slim). Sono reperibili in infiniti colori e fantasie. Non aspettatevi, però, che protegga il vostro dispositivo anche dalla polvere o dai graffi.

in poliuretano termoplastico o TPU: il tipo di materiale con cui sono costruite queste cover garantisce, come il silicone, una discreta protezione da urti e cadute. Questo tipo di accessori sono reperibili in differenti varianti, il che permette di scegliere la custodia in base ai propri gusti personali. Tuttavia, come nel caso delle cover in silicone, questo tipo di accessorio non offre una protezione completa da graffi e polvere.

Leggi anche:  OnePlus 5T è lo smartphone venduto più velocemente

rigide: solitamente costruite in policarbonato, questo tipo di cover offre una minor protezione rispetto a quelle costruite in silicone o in poliuretano termoplastico. Infatti, in caso di caduta, il vostro smartphone potrebbe subire non pochi danni.

Questo tipo di soluzioni, infatti, è consigliata più che altro a chi deve proteggere il proprio smartphone soprattutto dalla fisiologica usura dovuta al quotidiano uso del dispositivo. Per avere maggior protezione sarebbe meglio optare su altri tipi di soluzioni.

a portafoglio o wallet: questo tipo di custodie, solitamente costruite in pelle o materiali simili, è un tipo di custodia molto consigliata per chi sente la necessità di proteggere il proprio smartphone a 360 gradi.

Infatti, queste custodie, possiedono uno “sportellino” che solitamente si attacca con un piccolo magnete ad un punto della custodia impedendone l’apertura anche in caso di caduta. Inoltre, queste custodie contengono di solito delle piccole tasche in cui inserire qualche banconota o moneta (da qui il nome “a portafoglio o wallet”).

Conclusioni

Ora è arrivato il momento del verdetto. Quale cover fa più al caso vostro? Se per voi la principale prerogativa è proteggere il vostro smartphone, un buon compromesso è costituito dalle le cover in silicone, in TPU e a portafoglio o wallet. Se, invece, pensate che non abbiate tutto questo bisogno di protezione da urti e cadutepotreste decidere di acquistare le custodie rigide in poliuretano oppure le cover a guanto. La scelta, comunque, spetta a voi.