cina

Sappiamo benissimo come la Cina sia particolarmente restrittiva per quanto riguarda la libertà digitale; molti siti sono completamente oscurati quindi non raggiungibili per la popolazione. A livello militare i “paletti” sono ancora più stretti. L’ultima proibizione a carico delle forze dell’ordine riguarda gli smartwatch.

L’annuncio arriva direttamente dalle pagine del People’s Liberation Army Daily, il giornale ufficiale dell’esercito cinese. Il problema è sorto dopo che una recluta ne aveva ricevuto uno come regalo di compleanno.

Le reclute dell’esercito non potranno più utilizzare neanche gli smartwatch. La Cina vara il suo ennesimo divieto.

Questo soldato dell’esercito cinese ha colto l’occasione per fare degli scatti ai suoi compagni di camera nei pressi della città di Nanjing con il suo nuovo smartwatch e questo è stato ritenuto molto pericoloso.
L’uso di dispositivi mobili in grado di scattare foto, riprendere video in alta definizione e trasmettere dati ad alta velocità alla rete è ritenuto nocivo ai fini della sicurezza e rischia di consegnare in mani nemiche tutte quelle informazioni coperte da segreto militare. A corredo sono stati rilasciati anche materiali didattici al fine di informare meglio l’esercito sulla nuova direttiva.

Alla BBC, un portavoce del ministero della difesa britannico ha ricordato come sia estremamente facile essere intercettati quando si usano prodotti che sono costantemente in rete, anche se il Regno Unito, a differenza della Cina, non ha ancora disposto questa misura restrittiva per le proprie truppe; solo alcune di esse sono interessate dal divieto di utilizzo di materiale tecnologico, specialmente il personale che opera su casi che riguardano la sicurezza nazionale.

Al fine di una maggior sicurezza, trovate giusta questa decisione?