Nel teatro dello U-Power Stadium si Monza si è svolta la seconda edizione della Motorola Cup, un’iniziativa pensata da Motorola che ha visto protagonisti alcuni calciatori dell’AC Monza, Monza Special e i bambini della scuola di calcio della compagine brianzola.

Motorola con le sue innovazioni tecnologiche rappresenta la voglia di migliorare giorno dopo giorno, affrontando nuove sfide e superando i propri limiti laddove possibile. La Motorola Cup nasce come iniziativa intenta a spronare i giovani talenti, per spingerli a superare ogni ostacolo con impegno e dedizione, fino a raggiungere e realizzare i propri sogni.

Da quest’anno l’azienda è anche lo sponsor ufficiale dell’AC Monza. L’iniziativa è stata un’opportunità incredibile anche e soprattutto per i piccoli calciatori dell’Under 9 e Monza Special, squadra di ragazzi disabili iscritta al campionato di Quarta Categoria. I giocatori del Monza hanno dato preziosi consigli scendendo in campo, tutto all’insegna di una competizione sana volta solo all’amore per lo sport e il divertimento. Madrine d’eccezione della giornata Giuditta Lualdi e Rossella Olivotto, giocatrici dello UYBA Busto Arsizio Volley che hanno anche contribuire a distribuire i premi dei partecipanti.

Seconda edizione dell’evento Motorola Cup, con la partecipazione dell’AC Monza e madrine d’eccezione

“Siamo lieti di aver dato vita alla seconda edizione della Motorola Cup, grazie anche al supporto di AC Monza”, dichiara Giorgia Bulgarella, head of marketing di Motorola Italia. “Mettersi in gioco, superare ostacoli lungo il percorso e spingersi oltre i propri limiti nel conseguire un obiettivo è di fondamentale importanza nello sport come nella vita di tutti i giorni. Come brand portiamo avanti da tempo il concetto di “Power to Empower”, vale a dire fare squadra con il coraggio di tentare sempre qualcosa di nuovo, non seguendo sempre la medesima strada nel perseguimento di un risultato”.

“Ringraziamo Motorola per averci coinvolto in questa bella iniziativa a sostegno dello sport e dei giovani”, replica Adriano Galliani, Amministratore Delegato di AC Monza. “Come società di calcio siamo orgogliosi di avere una nostra rappresentativa di calciatori con disabilità, il Monza Special, iscritta al campionato di Quarta Categoria. Iniziative come la Motorola Cup incarnano valori che solo lo sport riesce a veicolare con così tanta efficacia”.

Articolo precedenteRowenta Explorer serie 75s+, il robot tutto-fare che non dovrebbe mancare nella tua casa
Articolo successivoVivo S16, la nuova serie in arrivo il 22 dicembre
Avatar
Procrastinatrice cronica e allo stesso tempo perfezionista. Nel 2017 ho iniziato a lavorare per Tecnoandroid, riscoprendo e consolidando la passione per la tecnologia.