BMW e crisi dei chip: consegnate auto senza Android Auto ed Apple CarPlay

Il settore delle auto ultimamente sta purtroppo avendo diverse grane da risolvere in merito alla mancanza dei componenti. Il problema della fornitura di questi ultimi deriva dalla crisi dei chip, i quali non possono essere implementati per garantire delle funzionalità purtroppo fondamentali all’interno di automobili di ultima generazione.

È proprio questo il caso di BMW, uno dei costruttori che sta risentendo molto di più della crisi dei semiconduttori che è in atto ormai da diverso tempo.

 

BMW consegna auto senza Apple CarPlay ed Android Auto

Secondo quanto riportato, potrebbero esserci dei miglioramenti a partire dal prossimo 2023 ma nel frattempo le case automobilistiche stanno consegnando automobili prive di alcune funzionalità. Proprio tornando a BMW sembrerebbe ormai chiaro che il colosso starebbe consegnando delle automobili che sarebbero prive di alcune funzionalità tra cui Apple CarPlay ed Android Auto. Si tratta di funzioni fondamentali per il collegamento dello smartphone alla guida, il quale dunque non può assolutamente a venire. Come comunica BMW, i clienti per avere tali funzionalità dovranno attendere un aggiornamento OTA che arriverà entro la fine del mese di giugno a ripristinare ogni funzionalità.

I chip integrati in alcune auto nei primi quattro mesi di quest’anno necessitano di un software aggiornato per essere completamente funzionali e offrire funzionalità Apple CarPlay/Android Auto e Wi-Fi.”

Non si sa quali siano i prodotti coinvolti all’interno di questa problematica, ma a quanto pare non sarebbe l’unica. In tanti avrebbero riferito infatti di non aver potuto installare all’interno della propria automobile in fase di configurazione un display touchscreen.