acea europa

L’Europa ha bisogno di più punti di ricarica pubblici per veicoli elettrici per far fronte all’aumento delle vendite di auto elettriche in tutta la regione.

L’Associazione europea dei produttori di automobili (ACEA) ha messo in prospettiva questo, affermando che l’UE deve installare 14.000 punti di ricarica pubblici a settimana per raggiungere gli obiettivi climatici per i veicoli elettrici entro il 2030. Attualmente, vengono installati 2.000 caricabatterie pubblici settimanali.

Preoccupata per le installazioni lente dei punti di ricarica per veicoli elettrici, l’organizzazione automobilistica vuole che gli Stati membri dell’UE aumentino gli investimenti nelle infrastrutture di ricarica per tutti i tipi di veicoli elettrici, inclusi auto, furgoni, camion e autobus.

Ha sottolineato che nel 2021 sono stati venduti 1,7 milioni di veicoli elettrici, un aumento di 10 volte rispetto ai cinque anni precedenti.

Lo sviluppo dell’infrastruttura di ricarica dei veicoli elettrici dovrà tenere il passo con questo rapido aumento dell’adozione di veicoli elettrici. L’ACEA ha fatto riferimento a un’analisi di McKinsey, che indica che entro la fine del decennio sono necessari fino a 6,8 milioni di punti di connessione affinché l’UE raggiunga una riduzione del 55% delle emissioni di CO2 delle autovetture.

Questa cifra, ha affermato, è quasi il doppio di quella proposta dalla Commissione europea nella sua proposta di regolamento sulle infrastrutture dei combustibili alternativi (AFIR).

Un investimento che bisogna affrontare

La transizione verso lo zero è una corsa a lungo termine“, ha affermato Oliver Zipse, presidente di ACEA e CEO di BMW. “La sfida chiave ora è convincere tutti gli Stati membri ad accelerare la distribuzione dell’infrastruttura richiesta. Abbiamo assolutamente bisogno di una conclusione ambiziosa della proposta AFIR, sia in termini di tempistica che di obiettivi fissati per ciascun paese dell’UE”.

ACEA ha lavorato a un piano generale per la ricarica dei veicoli elettrici per l’UE per affrontare le infrastrutture di ricarica, la fornitura di energia e la rete. Questo considera anche l’infrastruttura dei veicoli pesanti. Secondo il documento, entro il 2030 saranno necessari 279.000 punti di ricarica per veicoli elettrici per camion, di cui l’84% sarà negli hub della flotta.

“Un investimento totale di circa 1.000 miliardi di euro entro il 2050 in infrastrutture di ricarica (pubbliche e non pubbliche), aggiornamenti della rete e fonti di energia rinnovabile sono necessari per completare la trasformazione verso la mobilità su strada elettrica nell’UE“, afferma il documento.

Il

Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it