Nel mondo degli smartphone uno dei più grandi pericoli a cui ogni utente è sottoposto ogni giorno è costituito dai malwares, i piccoli software dannosi infatti sono onnipresenti nel web e sono pronti a infettare il maggior numero di dispositivi possibile, nel tentativo di ottenere credenziali di accesso o altri dati sensibili ai danni ovviamente della vittima.

Nel dettaglio un malware una volta installato è in grado di assumere il controllo del device, iniziando a instaurare delle connessioni remote verso i propri creatori i quali possono così iniettare dei comandi remoti e iniziare a spiare da cima a fondo lo smartphone, mettendo così in grave pericolo la privacy dell’utente che subisce l’attacco.

 

I segnali di un’infezione

Un malware ovviamente una volta penetrato nel device interferisce con il suo funzionamento, portandolo a mostrare dei segni ben evidenti ma solo ad un occhio attento, vediamoli insieme.

  • Calo di prestazioni: Ovviamente il software dannoso per funzionare necessità del lavoro della CPU, la quale dunque non potrà garantire delle prestazioni ottimali.
  • Autonomia ridotta: La CPU ovviamente lavorando all’unisono a causa dell’infezione consumerà una quantità di batteria importante.
  • Pagamenti improvvisi e non autorizzati: Spesso i malwares iscrivono l’utente vittima a servizi a pagamento senza il suo permesso.
  • Comparsa di pubblicità: Molti malware sono anche degli Adware in grado di far apparire pubblicità sia nel menù a tendina che nella home.
  • Scomparsa di applicazioni: Taluni malwares alle volte nascondo l’app vettore per evitare la sua eliminazione.
  • Malfunzionamento generale: Ovviamente il vostro smartphone diventerà instabile e non funzionerà bene, potrebbe riavviarsi all’improvviso senza un motivo spiegabile.
Eduardo Bleve
Studente di medicina e da sempre appassionato di tecnologia, musica e curiosità scientifiche.