squid game app malware

“Squid Game” e’ ancora virale, ma stavolta non in senso positivo.

Con la mania del “Squid Game” che sta dilagando in tutto il mondo, i criminali informatici si stanno affrettando a creare app fraudolente per truffare gli utenti Android. Nell’ultima  scoperta da un ricercatore di sicurezza informatica, un’app per sfondi a tema Squid Game, disponibile nel Google Play Store, installava malware insidiosi sui telefoni delle persone, secondo quanto riportato dal Sun.

“Sembra una grande opportunità per fare soldi con gli annunci in-app di uno dei programmi TV più popolari senza gioco ufficiale”, ha twittato Lukas Stefanko, un ricercatore di malware presso la società di sicurezza ESET, che secondo quanto riferito ha colto l’app sul fatto.

L’applicazione presumibilmente sinistra, intitolata “Squid Game Wallpaper 4K HD“, era disponibile insieme a centinaia di applicazioni basate sulla serie di grande successo. Una volta scaricato, il cavallo di troia avrebbe infettato i dispositivi Android con il malware Joker, che consente agli hacker di registrare i dispositivi infettati a servizi premium da cui possono trarre profitto.

Google non ha fatto in tempo

Google e’ stato avvisato dello schema, ma l’app era già stata scaricata ben 5.000 volte quando e’ stata eliminata.

Sfortunatamente, i fan di “Squid Game” che hanno installato l’applicazione prima della sua eliminazione da Google Play continuano a essere a rischio di malware. I tecnici consigliano alle persone di rimuovere immediatamente l’app per annullare la minaccia.

Sfortunatamente, l’impatto negativo dello spettacolo potrebbe essere più che solo digitale. Gli psicologi affermano che la serie distopica potrebbe ostacolare lo “sviluppo sociale ed emotivo dei bambini“, incoraggiandoli a chiudere un occhio o addirittura a partecipare quando gli altri sono sotto attacco.

All’inizio di questo mese, una scuola in Belgio ha emesso un avvertimento in seguito a segnalazioni di studenti che giocavano a un pericoloso gioco ispirato al “Gioco del calamaro”.